Biennio Accademico di II Livello

Il Conservatorio “Giacomo Puccini” ha ottenuto l’istituzionalizzazione dei Diplomi Accademici di II Livello (ordinamentali) con D.M. 2145 del 08/08/2018 e con D.M. 160 del 04/02/2019 (allegati in calce), mentre quelli sperimentali sono ad esaurimento.

Il Corso di Diploma Accademico di II Livello è un corso specialistico di formazione musicale al termine del quale si consegue il Diploma Accademico di secondo livello, equiparato ad una Laurea magistrale ai fini dei concorsi pubblici e del proseguimento del curriculum degli studi accademici, quali il Diploma accademico di perfezionamento (Master di secondo livello) ed il Diploma accademico di formazione alla ricerca (Dottorato).

Al corso si accede superando un Esame di ammissione. Sono ammessi al Corso gli studenti che dimostrino di essere in possesso di una preparazione musicale adeguata al titolo accademico da conseguire.

Il Biennio Accademico, analogamente ai corsi di Laurea Magistrale, comporta l’acquisizione di 120 cfa (crediti formativi accademici) complessivi. L’offerta formativa del Biennio consente inoltre di svolgere stage e tirocini esterni per l’avviamento all’attività professionale, di partecipare al programma internazionale Erasmus+ e di accedere alle opportunità previste dalle norme relative al diritto allo studio universitario.

Per l’iscrizione al Biennio Accademico è richiesto un Diploma accademico di I Livello, ovvero un Diploma di Laurea o un Diploma di Conservatorio del vecchio ordinamento abbinato ad un Diploma di scuola secondaria superiore (Maturità), o un titolo corrispondente conseguito all’estero.

È vietata l’iscrizione contemporanea a più Istituzioni di Alta Formazione, ovvero a più corsi di Alta Formazione all’interno dello stesso Conservatorio, ovvero a corsi superiori del Vecchio Ordinamento; è invece compatibile l’iscrizione contemporanea a corsi di Conservatorio e Università ai sensi della L. 240/2010, art. 29, c. 21, secondo le modalità descritte dal D.M. 28 settembre 2011 (le attività formative svolte durante l’anno accademico non devono superare i 90 cfa).

Gli studenti non impegnati a tempo pieno negli studi, in virtù di un’attività lavorativa documentata, possono chiedere di seguire un apposito curriculum di studi distribuito in più annualità, fino al doppio della durata regolare necessari (2+2 = 4 anni), in ordine ai piani di studio, alla frequenza e allo svolgimento degli esami.

Tutte le norme didattiche sono indicate nel Regolamento e nel Manifesto degli Studi allegati in calce.

a

a


Scuole per Diploma Accademico di II Livello (Biennio)* QF-EHEA LEVEL 7:

Le attività formative sono quelle della Formazione di Base, Caratterizzanti, Affini e integrative, A scelta dello studente, Conoscenza della lingua straniera, Prova finale.

Dipartimento di Canto e Teatro Musicale:

Dipartimento di Didattica della Musica:


Discipline a scelta dello studente:

Gli studenti, per la personalizzazione del proprio piano di studi (Attività Formative a scelta dello studente), dovranno scegliere ulteriori Discipline di personale interesse fra queste (attivate per l’A.A. 2020/21):

  • Laboratorio di fortepiano: 15 ore, 3 cfa, idoneità, Prof. V. Ermacora
  • Laboratorio di accordatura e temperamenti: 15 ore, 3 cfa, idoneità, Prof. V. Ermacora 
  • Corso monografico su “La musica vocale (e non solo) di Arvo Pärt”: 20 ore – 2° semestre, da 3 a 5 cfa, esame, Prof. F. Lombardo
  • Pratica del contrappunto a mente: 20 ore – 2° semestre, 3 cfa, esame, Prof. F. Lombardo
  • Seminario di approfondimento e interpretazione dell’opera Das Wohltemperierte Klavier – Teil II di J. S. Bach: 12 ore, 3 cfa, Prof. V. Ermacora
  • Seminario Bach: 20 ore, 3 cfa, idoneità, Prof. S. Molardi
  • Seminario: Lo stile rubato dal 500 all’800 (20 ore, 3 cfa, idoneità, Prof. S. Molardi
  • Musica da film I: 20 ore, 3 cfa, esame/test, Prof.ssa A. Vaccarone
  • Musica da film II: 20 ore, 3 cfa, esame/test, Prof.ssa A. Vaccarone
  • Fiabe multietniche in musica: 20 ore, 3 cfa, idoneità, Prof.ssa A. Vaccarone
  • Addestramento mentale: 12 ore, 2 cfa, idoneità/test, Prof.ssa D. Contessi
  • Metodologia insegnamento strumentale: per Strumentisti a Fiato – 2 annualità: una nel triennio con idoneità e una nel biennio con esame finale, 21 ore, 3 cfa, idoneità e esame, Docenti Strumenti a Fiato
  • Altro strumento della famiglia: per Strumentisti a Fiato: Oboe-Corno Inglese -oboe d’amore; Flauto-ottavino, flauto in sol,flauto basso; Fagotto-Fagotto barocco-Controfagotto; Sax-Tromba-Trombone-Corno-Clarinetto, 25 ore, 3 cfa, idoneità/esame, Docenti Strumenti a Fiato
  • “Altro strumento”: Libero per tutti gli studenti del Conservatorio, 15 ore, 2 cfa, idoneità/esame, Docenti Strumenti a Fiato
  • “Consort-Ensemble strumenti della stessa famiglia”: per Strumentisti a Fiato, 15 ore, 2 cfa, esame, Docenti Strumenti a Fiato

Corsi attivati per l’acquisizione dei 24 crediti formativi:

Anche fra le Discipline a scelta dello studente, nei Corsi Accademici di I Livello e di II Livello sono inserite quelle attivate dal Dipartimento di Didattica della musica per l’acquisizione dei 24 crediti formativi, necessari per l’accesso ai Concorsi per gli insegnamenti dell’area musicale nella scuola secondaria di I e di II grado (D.M. 616/2017). Gli studenti interni già iscritti a un corso di Diploma Accademico di II livello presso il Conservatorio, al fine di conseguire i 24 cfa, possono prorogare di un semestre la propria iscrizione al Conservatorio senza costi aggiuntivi. Su richiesta dell’interessato sarà rilasciata una certificazione dei crediti pregressi riconosciuti all’atto dell’iscrizione nonché dei crediti conseguiti a seguito degli esami superati.

  • Didattica dell’ascolto: 20 ore, 3 cfa., Prof.ssa Alessandra Vaccarone; orario e calendario: venerdì dalle 8.30 alle 10.30: 6, 13, 20, 27 novembre; 4, 11, 18 dicembre; 8, 15, 22 gennaio
  • Direzione e concertazione di coro: 20 ore, 3 cfa, Prof. F. Lombardo; orario e calendario: venerdì dalle 12,30 alle 14: 6, 13, 20, 27 novembre; 4, 11, 18 dicembre; 8, 15, 22, 29 gennaio; 5, 12, 19 febbraio.
  • Elementi di composizione e analisi per didattica della musica – Settore Metodologie e tecnologie: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa Nicoletta Andreuccetti; orario e calendario: mercoledì dalle 11:00 alle 13:00: 24, 31 marzo; 14, 21, 28 aprile; 5, 12, 19, 26 maggio; 9 giugno.
  • Fondamenti di psicologia dello sviluppo – Settore Psicologia; 25 ore, 4 cfa, Prof.ssa Maria Luisa Merlo; orario e calendario: martedì dalle 14.30 alle 17.00: 23, 30 marzo; 13, 20, 27 aprile; 4, 11, 18 maggio.
  • Fondamenti di semiologia musicale: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa A. Vaccarone; orario e calendario: giovedì dalle 16 alle 18: 28 gennaio; 4, 11, 18 febbraio; dalle 16 alle 19: 4, 11, 25 marzo e 8 aprile.
  • Fondamenti di sociologia musicale: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa A. Vaccarone; orario e calendario: venerdì dalle 12.30 alle 14.30: 29 gennaio; 5, 12, 19 febbraio; 5, 12, 26 marzo; 9, 16, 23 aprile
  • Metodologia dell’educazione musicale – Settore Metodologie e tecnologie: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa Maria Luisa Merlo; orario e calendario: mercoledì dalle 9.00 alle 11.30: 24, 31 marzo; 7, 14, 21, 28 aprile; 5 maggio.Metodologia dell’indagine storico-musicale: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa A. Vaccarone; orario e calendario: giovedì dalle 10.30 alle 13: 11, 18 febbraio; 4, 11, 25 marzo; 8, 15, 22 aprile
  • Metodologia generale dell’insegnamento strumentale – Settore Metodologie e tecnologie: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa Maria Luisa Merlo; orario e calendario: mercoledì dalle 11.30 alle 13.00: 24, 31 marzo; 7, 14, 21, 28 aprile; 5, 12, 19, 26 maggio.
  • Pedagogia musicale – Settore Pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione: 25 ore, 4 cfa, Prof.ssa Maria Luisa Merlo; orario e calendario : martedì dalle 9.00 alle 11.30: 23, 30 marzo; 13, 20 27 aprile; 4, 11, 18 maggio.
  • Pedagogia musicale speciale e didattica dell’inclusione – Settore Pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione: 15 ore, 2 cfa, Prof.ssa Maria Luisa Merlo; orario e calendario: martedì dalle 11.30 alle 13.00: 23, 30 marzo; 13, 20, 27 aprile; 4, 11 maggio.
  • Pratica della lettura vocale e pianistica; 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa D. Varesco; orario e calendario: da concordare.
  • Psicologia musicale – Settore Psicologia: 15 ore, 2 cfa, Prof.ssa Maria Luisa Merlo; orario e calendario: martedì dalle 17.00 alle 18.30: 23, 30 marzo; 13, 20, 27 aprile; 4, 11 maggio.
  • Tecniche di trascrizione  e arrangiamento – Settore Metodologie e tecnologie: 20 ore, 3 cfa, Prof.ssa Nicoletta Andreuccetti; orario e calendario: lunedì dalle 9.00 alle 11.00: 12, 19, 23 aprile; 10, 17, 24, 31 maggio; 4, 7, 11 giugno.

Tesi – Esame Finale Diploma Accademico:

Modalità – Le modalità di prova finale per le Scuole di Didattica della Musica e di Composizione rimangono invariate (come da Manifesto degli Studi), ma a partire dalla sessione invernale dell’A. A. 2020/2021 per le altre Scuole ha efficacia la modalità di svolgimento sotto descritta, con le specifiche precisazioni riportate.

Lo studente, in accordo col Docente relatore e con l’eventuale Docente correlatore, sceglie una tra le due opzioni:

  1. Discussione di una tesi concordata dallo studente con il suo relatore ed esecuzione di un programma della durata minima di 30 minuti (25 minuti per strumentisti a fiato e cantanti lirici) concordato col relatore che sia coerente con l’argomento della tesi. Durata totale della prova: circa 50 minuti.
  2. Esecuzione di un programma concordato col relatore della durata di 30/40 minuti (35 minuti per strumentisti a fiato e cantanti lirici) corredato dalla redazione del relativo programma di sala. Il programma di sala dovrà essere costituito da 8 facciate A5, di cui almeno 7 di testo.

Note – Per entrambe le opzioni:

  • Il candidato potrà presentare brani già eseguiti in altri esami non oltre il 30% del minutaggio del programma totale;
  • La commissione si riserva la possibilità di interrompere l’esecuzione del programma, qualora ritenga sia sufficiente quanto ascoltato.

Direttive Redazionali per la stesura delle Tesi – Requisiti primari di una tesi di laurea dovrebbero essere l’originalità e la natura specialistica dell’indagine. Sarà conveniente trarre spunto da un vivo e motivato interesse per uno specifico ambito disciplinare, traducendolo in un’idea che possa essere utilmente approfondita e sviluppata. Si consideri la redazione di una tesi l’occasione per l’esercizio di una particolare e magari innovativa metodologia di ricerca, per l’apporto agli studi di un contributo originale, per l’approfondimento di uno specifico argomento d’indagine. Oggetto della ricerca potranno essere personalità artistiche, singole opere o gruppi di opere, aspetti stilistici, storiografici, interpretativi di opere collegate a un determinato autore, epoca, repertorio, strumento o complesso strumentale e/o vocale. Si tenga comunque conto delle norme di redazione che seguono anche nella stesura di elaborati scritti occasionalmente previsti per il superamento di esami di alcuni insegnamenti, di più stretta e specifica pertinenza della singola disciplina. Le norme per redigere la Tesi sono indicate nel Manifesto degli Studi allegato in calce.


Diploma Supplement:

ECTS e lo Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore (Processo di Bologna) – ECTS è il sistema di crediti utilizzato nello Spazio Europeo dell’Istruzione Superiore, che comprende tutti i Paesi impegnati nel processo di Bologna e ne costituisce una delle pietre angolari.
La maggior parte dei Paesi partecipanti al Processo di Bologna ha adottato per legge ECTS come sistema nazionale di crediti per l’Istruzione Superiore. Uno degli obiettivi del Processo di Bologna è, infatti, l’istituzione di un sistema di crediti come strumento utile a promuovere la più ampia e diffusa mobilità studentesca. Ma ECTS contribuisce anche al raggiungimento di altri obiettivi del Processo di Bologna: i crediti ECTS sono un elemento essenziale del Quadro dei Titoli di Bologna, che è compatibile con il Quadro Europeo dei Titoli per l’apprendimento permanente (European Qualifications Framework – EQF). In base al Quadro dei Titoli di Bologna, per il primo e secondo ciclo è stato specificamente previsto il numero minimo e massimo di crediti ottenibili. Di conseguenza, i crediti ECTS sono utilizzati anche per impostare i quadri nazionali dei titoli dell’Istruzione Superiore, che possono a loro volta contenere delle indicazioni nazionali più dettagliate sui crediti. ECTS aiuta gli Istituti a raggiungere l’obiettivo dell’Assicurazione della Qualità. In alcuni Paesi, ECTS costituisce un requisito per l’accreditamento di corsi e titoli di studio nell’ambito dell’Istruzione Superiore. ECTS è adottato in misura crescente da Istituti di Istruzione Superiore che operano in continenti diversi dall’Europa e svolge, quindi, un ruolo nella dimensione sempre più globale del Processo di Bologna.

Si prega di consultare la Guida per l’utente allegata in calce.

Il Diploma Supplement viene rilasciato automaticamente e senza costi aggiuntivi, nella doppia versione in lingua italiana e inglese coerentemente alle indicazione e al modello sviluppato dalla Commissione Europea, Consiglio d’Europa e UNESCO, a tutti gli studenti del Conservatorio di Musica “Giacomo Puccini” che conseguono un Diploma Accademico.

The Diploma Supplement is issued in a widely spoken language, and given automatically and free of charge to every student of the Conservatorio di Musica “Giacomo Puccini” upon graduation in accordance with the model developed by the European Commission, Council of Europe and UNESCO.


foto © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia