Dipartimento Strumenti a Tastiera

Il Dipartimento è costituito dalle Scuole e dai Docenti in elenco:

Il coordinatore per l’A.A. 2020/21 è il Prof. Giovanni Giannini ([email protected]).

n.b. Per tutte le Discipline di competenza di ogni docente, si veda il DM n. 90 del 03/07/2009 allegato in calce, dopo il Regolamento dei Dipartimenti.


Il Dipartimento degli Strumenti a Tastiera è protagonista di innumerevoli attività didattiche e di manifestazioni artistiche, soprattutto con i suoi studenti: Concerti solistici, cameristici, con l’Orchestra, Laboratori, Seminari, Lezioni-concerto, Conferenze, Rassegne, Festival, Scambi fra Conservatori, Saggi di studio, Borse di Studio, Feste della Musica, Concerti per le Scuole e molto altro ancora.

L’attività didattica è stata sempre finalizzata al conseguimento dell’eccellenza in molti ambiti del repertorio, poi confluito in progetti specifici e Seminari dedicati: J. S. Bach, Invenzioni e Sinfonie; L’opera pianistica di J. Brahms; L’opera pianistica di F. Schubert; L’opera pianistica di R. Schumann; “Una vita con Nino Rota”; “L’elemento coreutico nella musica romantica: le danze per pianoforte a quattro mani”; “Biografie in musica” (Haydn, Mendelssohn, Chopin, Schumann, Liszt, Wagner, Beethoven…); “Evoluzione della scrittura pianistica”; “Nuove tecnologie nella costruzione del pianoforte”; “Il fortepiano” con Stefano Fiuzzi; “L’invenzione del pianoforte e l’affermazione della sua letteratura”; “Claude Debussy, oltre il Romanticismo”; “Nascita ed evoluzione delle grandi scuole pianistiche”; “Chopin e l’anima polacca”; “La pratica della diminuzione strumentale in Italia tra Cinquecento e Seicento”; Bach, Concerto Brande- burghese n. 6; “Musica e architettura sacra. L’organo, la sua costruzione e la sua funzione sociale”; “Opera omnia” per Organo di J. S. Bach; le Suites Inglesi di J. S. Bach; Ciclo Mozart; “La letteratura del ‘600 per due strumenti: Bernardo Pasquini e le Sonate cifrate per due cembali”; “Scarlatti fra gravicembalo e fortepiano”; “Il clavicembalo nella musica contemporanea italiana”; Das Wohltemperierte Klavier (integrale); “I Concerti per Organo di Händel e Sammartini”; “Non soggetto a battuta…”; “Lo stile rubato dal ‘500 all’ ‘800” e altro ancora.

Fra le moltissime presenze illustri, si ricordano quelle dei Docenti ospiti per MasterClass o concerti come Lazar Berman, Gustav Leonhardt (per l’inaugurazione dell’organo Ghilardi), Michele Marvulli, Andrea Lucchesini, Georges Kiss, Sergio Perticaroli, Jeffrey Swann, Claudia Termini, Stefano Innocenti, Daniel Rivera, Eduard Ziberkant, Pietro De Maria, Enrico Gatti, Bruno Canino, Benedetto Lupo, Matthjis Verschoor, Jin Ju, Marco Longo, Michael Wessel, Theo Flury, Klemens Schnorr, Francesco Cera, Brett Leigthon, Michel Bouvard, Fausto Caporali, Andrea Coen, Marina Popadic, Ivano Battiston, Riccardo Centazzo.

All’interno del Dipartimento sono nate anche due realtà specificatamente dedite alla ricerca e all’attività concertistica: il Laboratorio di Musica Antica e il Gruppo di Fisarmoniche del Conservatorio, Gruppo che ha tenuto oltre 100 concerti in tutta Italia rinnovando l’interesse per uno strumento della tradizione popolare col quale la musica ‘colta’ suona benissimo, da Bach ai contemporanei.

È motivo di grande orgoglio che molti degli ex-studenti del Dipartimento sono attualmente riconosciuti professionisti in vari campi artistico-musicali e didattici, in Italia e all’estero.


Vincenzo Audino

Formatosi alla scuola romana del Conservatorio di Santa Cecilia con il M° Sergio Perticaroli, con cui ha conseguito il diploma di pianoforte con il massimo dei voti e la lode, rappresenta un’interessante personalità di concertista e didatta. Prosegue gli studi perfezionandosi al Mozarteum di Salisburgo e parallelamente studia  lettere moderne presso l’Università La Sapienza di Roma. Negli anni successivi ottiene numerosi riconoscimenti in competizioni nazionali e internazionali classificandosi al secondo posto al concorso A. Speranza di Taranto e al primo posto nei concorsi di Osimo e Caltanissetta. Inizia una serie di registrazioni per la prima rete televisiva della RAI. Ha tenuto recital in Europa, Giappone, Cina e nei maggiori centri musicali italiani sia come solista che con orchestra. Docente in corsi di perfezionamento, e membro di giuria in concorsi pianistici, si è recato sei volte a Tokyo su invito della  Showa University a tenere masterclasses e concerti per gli studenti dei corsi superiori ad indirizzo concertistico e dal 1997 al 2010 ha insegnato anche nella sede italiana dell’Università, Fondazione Villa Chiericati – Showa  Academia  Musicae – (Vicenza). È stato dal 1980  titolare di una cattedra di Pianoforte principale presso il conservatorio “A. Vivaldi” Istituto di Alta Cultura di Alessandria. Successivamente ha insegnato presso il Conservatorio di  Frosinone e dal 2006 è docente al Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia. Tiene regolarmente seminari e concerti che interessano i periodi dal classicismo al Novecento. Nel 2014 si è recato in Cina per tre settimane in qualità di rappresentante del Conservatorio “G. Puccini”di La Spezia dove ha tenuto tre recital e avuto contatti con  Università e Conservatori di otto importanti città dove ha esaminato studenti, nell’ambito del progetto culturale Turandot  Italia – Cina.


Roberta Anna Baiocchi

Ha iniziato giovanissima lo studio del pianoforte, diplomandosi con il massimo dei voti presso l’Istituto di Alta Formazione Artistica ” L. Boccherini” di Lucca sotto la guida della Prof.ssa Clara Cesa Luporini. Ha successivamente approfondito la sua formazione con Rossana Bottai, Norberto Capelli ed Hector Moreno. Ha intrapreso una lunga attività concertistica, sia come solista che in varie formazioni da camera ed è stata promotrice di tantissime stagioni musicali organizzate nella provincia di Lucca. Come Presidente dell’Associazione “Amici della Musica” di Castelnuovo Garfagnana, ha promosso ed organizzato per vari anni il concorso nazionale pianistico “Zucchi”, collaborando con Piero Rattalino, Daniel Rivera, Philippe Riondet, Norberto Capelli, Hector Moreno, Sonia Pahor, Luigi Tanganelli. Come “pianista accompagnatore” ha collaborato con il M.o Riccardo Peruzzi presso l’Istituto Musicale di Lucca. Ha ottenuto moltissimi riconoscimenti in ambito didattico, sia portando a compimento di studi molti pianisti, a loro volta oggi stimati insegnanti, sia distinguendosi in importanti concorsi nazionali ed internazionali, in cui i suoi allievi hanno ottenuto sempre ottimi risultati e molti primi premi (Concorsi Città di Albenga, Trofeo Pietro Napoli di Livorno, Premio Città di Albenga, J.S. Bach di Sestri Levante, Fidapa di Pisa, Riviera della Versilia, Liburni Civitas, Città di Vicopisano, Concorse nationale de France a Parigi). Nel ’93 ha superato il selettivo concorso nazionale per esami e titoli per l’insegnamento nei conservatori statali e dopo aver insegnato nei conservatori di Padova, Perugia e Trapani attualmente è titolare della Cattedra di “Pratica e Lettura Pianistica” presso il conservatorio “Giacomo Puccini” di La Spezia.


Claudio Cantini

Si è diplomato in Pianoforte con il massimo dei voti all’Istituto Musicale “L. Boccherini” di Lucca, sotto la guida della Prof.ssa Clara Cesa Luporini. Successivamente ha proseguito gli studi, seguendo corsi con Michele Campanella e con la Prof.ssa Lydia Rocchetti di Firenze. Nel 2008 ha preso parte ai seminari pianistici di Piero Rattalino e Vincenzo Balzani presso l’Istituto “L. Boccherini” dove ha conseguito in seguito il Diploma Accademico di secondo livello, sotto la guida di Gabriella Dolfi, con 110/110. Ha partecipato ad importanti concorsi pianistici nazionali, vincendo premi ed ottenendo riconoscimenti e premi speciali. Si esibisce in numerosi concerti in varie città italiane, sia come solista che in duo pianistico, sia collaborando con altri strumentisti che con orchestra, avendo sempre lusinghieri successi di pubblico e di critica e suonando per associazioni quali “Ferrara Musica”, “A.Gi.Mus”, “Associazione Domenico Puccini”, “Società del Contrabbasso”, “Animando”, ecc.. Ha seguito vari seminari di analisi musicale tenuti dal Maestro Romano Pezzati presso il Centro di Ricerca e Sperimentazione della Didattica Musicale di Fiesole (FI). Dal 2003 è titolare di cattedra di Pratica Pianistica negli Istituti di Alta Formazione Artistica e Musicale, attualmente presso il Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia. Ha infine fatto parte di commissioni per l’assegnazione di borse di studio dell’AML per gli allievi dell’Istituto Musicale “Boccherini”.


Francesca Costa

Si è diplomata presso l’Istituto Musicale “ L.Boccherini “ di Lucca con il massimo dei voti, la lode e menzione speciale sotto la guida della pianista Rossana Bottai. Si è successivamente perfezionata con il M° Michele Marvulli e per la musica da camera con il M° Dario De Rosa, Trio di Trieste, ai corsi di qualificazione orchestrale della Scuola di Musica di Fiesole. Vincitrice di numerosi concorsi nazionali e internazionali (Albenga, Osimo, Livorno, Stresa) ha tenuto concerti come solista,in duo pianistico e in varie formazioni cameristiche in Italia ed in tournée all’estero (Lussemburgo, Francia, Polonia, Romania). Come solista ha collaborato con l’Orchestra di Oradea, Bacau e Satu Mare (Romania) l’Orchestra da Camera di Stato del Kazakhistan, l’Orchestra “Città di Grosseto“ e l’Orchestra da camera “P. A. Guglielmi“ con la quale ha inciso i Sei Concerti da Camera op. 1 per la Casa Musicale Bongiovanni di Bologna ed ha registrato per la RAI. È stata Direttore Artistico fino al 2003 della Stagione dei Concerti di Primavera “F.I.D.A.P.A.” presso il Teatro Guglielmi di Massa e nel 2009 ha istituito il Concorso Pianistico Internazionale “Mario Fiorentini” di La Spezia. Invitata frequentemente come membro di giuria in Concorsi pianistici, è stata selezionata per il progetto Erasmus tenendo lezioni nel 2011 presso la Mersin University (Turchia) e nel 2019 presso il Conservatorio Superior de Musica de La Coruna (Spagna). Ha tenuto corsi di perfezionamento per l’Accademia Musicale Versiliese, per l’Associazione Musicale Massese ed annualmente è invitata dall’Associazione Cultura e Musica “Villa Rospigliosi” tenendo Corsi di Perfezionamento Estivi a Pietrasanta (Lucca) e a Villa Rospigliosi di Lamporecchio (Pistoia). Nel 2018, in qualità di rappresentante del Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia, si è recata a Pechino per tenere un concerto per l’Università e per selezionare studenti pianisti e cantanti designati nell’ambito del progetto “Turandot” Italia/Cina. Titolare della cattedra di pianoforte principale dal 1989, ha insegnato nei Conservatori di Musica di Reggio Calabria, Vibo Valentia e Piacenza. Dal 2006 è docente presso il Conservatorio di Musica “G. Puccini“ di La Spezia ad i suoi studenti risultano costantemente vincitori di borse di studio, selezioni e Concorsi pianistici.


Valentino Ermacora

Dopo aver conseguito i diplomi in Organo e composizione organistica e in Clavicembalo e tastiere storiche (Clavicordo e Fortepiano) sotto la guida di Letizia Romiti e Alda Bellasich ha approfondito lo studio degli aspetti musicologici, di prassi esecutiva e direzione del repertorio tardo rinascimentale e barocco frequentando numerosi corsi e seminari presso le più accreditate Accademie europee. Particolarmente determinanti per la sua formazione musicale sono state le esperienze di studio fatte con T. Koopman, H. Vogel, J.B. Christensen, L.F. Tagliavini, M. Radulescu, H. Boumann. Oltre a svolgere un’intensa attività concertistica come solista al cembalo e all’organo è stato direttore del “Carlo Felice Ensemble” (orchestra da camera costituita dalle prime parti dell’orchestra del teatro di Genova) con cui ha realizzato alcune importanti stagioni concertistiche. Nel 1994 ha fondato “Il Cimento degli Affetti”, gruppo specializzato nel repertorio antico con strumenti originali, e l’ensemble vocale “Schola Cantorum S. Stefano” con cui ha effettuato numerose prime esecuzioni moderne e registrazioni, di musica strumentale e vocale, sia sacra che operistica, ricevendo ampi consensi di pubblico e critica. Allo studio e la valorizzazione del repertorio vocale e strumentale antico, con particolare riguardo per quello italiano del ‘600-‘700, affianca l’attività didattica. Docente per quattordici anni di Organo presso l’Istituto Diocesano di Musica Sacra di Genova e vincitore del concorso per titoli ed esami per l’insegnamento nei Conservatori italiani è titolare della Cattedra di Clavicembalo e Tastiere storiche presso il Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia, ove insegna anche Basso continuo, Improvvisazione e “Accordatura e Temperamenti storici”. Tiene regolarmente corsi, seminari e Master classes anche in collaborazione con importanti interpreti italiani quali Enrico Gatti ed Enrico Onofri. Ha eseguito l’opera omnia di J.S. Bach per tastiera in trenta concerti preceduti da un’introduzione storico-analitica partecipando inoltre a varie edizioni del “Festival della musica classica genovese”, curando e dirigendo numerose prime esecuzioni moderne di musica del ‘6-700 legata all’ambiente ligure e genovese fra cui le Opere Le gare dell’amor eroico di Alessandro Stradella e La Serva spiritata di Pasquale Anfossi. English – After graduating in Organ and organ composition and in Harpsichord and ancient keyboards instuments – Clavichord and Fortepiano – (his teachers have been, respectively, L. Romiti and A. Bellasich) acquired a profound knowledge on Ancient and Baroque music, both regards musicology either performing and conducting aspects, by attending several courses and lectures at the most important European musical Academies. In particular, his study experiences with T. Koopman, H. Vogel, J.B. Christensen, L. F. Tagliavini, M. Radulescu have been relevant for his musical education. Besides developing an intense activity as solo Organ and Harpsichord player he has also conducted the Chamber orchestra “Carlo Felice Ensemble” (whose members are leading parts of the Theatre Orchestra of Genoa) on the occasion of important Concert Seasons. In 1994 he has founded “Il Cimento degli Affetti”, specialized period instrument ensemble and the vocal ensemble “Schola Cantorum S. Stefano” with which he effected numerous productions, first modern performances and recordings, of instrumental and vocal, both sacred and opera music, receiving wide acclaim from audiences and critics. The study and enhancement of ancient vocal and instrumental repertoire, with particular reference to the Italian ‘600-‘700 , is complemented from educational activities . For fourteen years he was teacher of Organ in the Diocesan Institute of Sacred Music in Genoa and after winning the national competitive examination, is now Professor of Harpsichord and Historical Keyboards at the Conservatorio “G. Puccini” La Spezia , where he also teaches Basso continuo , Improvisation and “Tuning and Temperament”. He regularly holds Courses, Seminars and Master Classes and plays in ensemble with the leading Italian violinists Enrico Gatti and Enrico Onofri. He recently performed the harpsichord opera omnia by J. S. Bach in thirty concerts preceded by a historical-analytical introduction. He also participating in various editions of the “Festival della musica classica genovese”, were he transcribed and conducted numerous first modern performances of 17th and 18th Centuries music in the Genoese environment among which the Alessandro Stradella’s Opera Le gare dell’amor eroico and the Pasquale Anfossi’s La serva spiritata.


Giovanni Giannini

Si diploma nel 1987 presso l’istituto “ P. Mascagni” di Livorno sotto la guida del M. Ugo Ferrario con Dieci, Lode e Menzione Speciale. Dopo il perfezionamento pianistico con i maestri Bruno Mezzena e Massimiliano Damerini, ottiene primi e secondi premi in concorsi pianistici nazionali – Città di Osimo, Savona Hans Haas, Scarlatti Napoli, – ed inizia l’attivita’ concertistica in italia e all’estero come camerista e solista – Sidney, Melbourne, Camberra, Vienna, Klaghenfurt, Cophenagen, Murau, Bellinzona, Budapest, Roma. Ha inciso per Fone’, Ema Records, Discoteca di Stato Danese ed O.R.F. Austria. Dal 1997 è attivo come compositore e arrangiatore per per il Musical Theatre, collaborando con artisti quali Lindsay Kemp, Piero Bellugi, Massimo de Bernardt, William David Brohn, Stephen Flaherty, Tato Russo.  Tra i titoli più rilevanti nei quali ha composto e arrangiato per il Musical Theathre: I Promessi Sposi (Teatro Bellini Napoli), Il Ritratto di Dorian Gray (Teatro Sistina Roma), Broadway Broadway (Teatro Eliseo Roma), Mangiaresti il Gatto di Napoleone (Teatro Puccini Firenze), Le adorabili Scanzonette, Biancaneve il Musical, The Elephant Man.


Letizia Innocenti

Formazione:Inizia gli studi con Mila Pignero Orlando all’Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni” di Livorno, sua città natale, dove si diploma brillantemente nel 1987 nella classe di Liana De Botton Gragnani. Dal 1985 al 1987 frequenta anche i Corsi Estivi di Interpretazione Pianistica ed Alto Perfezionamento Musicale con Michele Marvulli all’Accademia Musicale Pescarese, dove consegue Diplomi di Profitto e si esibisce nei Concerti Finali riservati ai migliori allievi. Successivamente si perfeziona con Hector Daniel Rivera, con Giampiero Semeraro e, per la musica da camera, con il violoncellista Giovanni Bacchelli. Nel 1991 si distingue al Seminario di Analisi Musicale tenuto da Piero Rattalino all’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola, dove poi si iscrive quale allieva uditrice (per raggiunti limiti di età) e frequenta anche i seminari e le masterclass di Aldo Ciccolini, Rosalyn Tureck, Jorge Demus, Boris Petrushansky, etc. Conseguito il diploma di maturità scientifica a soli 17 anni, si iscrive alla Facoltà di Lettere e Filosofia, Corso di Laurea in discipline musicali – D.A.M.S., dell’Università degli Studi “Alma Mater Studiorum” di Bologna, dove sostiene alcuni esami (fra gli altri con Aldo Clementi, Loris Azzaroni, Alberto Gallo). Concorsi e Premi: Fin da giovanissima partecipa con successo a numerosi Concorsi Nazionali ed Internazionali, classificandosi ai primi posti: 1° Premio al Trofeo “P. Napoli” di Livorno nel 1982, 3° Premio al Concorso “Città di Albenga” nel 1982, 2° Premio del Concorso “Città di Genova” nel 1986 e nel 1989, 2° Premio al Concorso “Città di Velletri” nel 1989. Nel 1990 è insignita del Premio “Arte e Cultura” dal Gruppo Artistico “Gino Consani” per meriti artistici relativi al 1989. Nel 1990-91 risulta vincitrice del Concerto-premio della Rassegna “Giovani Concertisti” di Busto Arsizio (VA) indetta dalla Società del Quartetto. Nel 1994 è ammessa, da curriculum, a partecipare al Concorso Internazionale per pianoforte e orchestra “Città di Cantù”. È vincitrice del Concorso per esami e titoli a Cattedre di Pianoforte Principale nei Conservatori di Musica indetto con D. M. 18 Luglio 1990. Concerti e attività artistica: Dal 1982 svolge intensa attività concertistica, facendosi apprezzare come solista, in duo con flauto, in duo pianistico (pianoforte a quattro mani), in duo con chitarra, in duo con canto, come solista con orchestra, come maestro sostituto e direttore di coro, sia in tutta Italia (Roma, Firenze, Venezia, Verona, Genova, Siena, Amalfi, Forio-Isola d’Ischia, Livorno, Castiglioncello, Cecina, Piombino, Portoferraio-Isola d’Elba, Pieve a Elici, Montegiorgio, Servigliano, Ponsacco, etc.) sia all’estero (Cina: Chengdu, Changsha, Yiyang; Francia: Moulin d’Andé–Eure/Normandie; Belgio: Bruxelles, Braine le Chateau, Tournai). È socia di “Aulos–Accademia Italiana dei Legni”, col cui gruppo di ricerca realizza la schedatura di migliaia di libretti d’opera poi pubblicati nei “Quaderni della Labronica” e cura la stesura delle note di sala per i concerti della stagione musicale del C.E.L. Comitato Estate Livornese. Dal 1991 al 1994, segnalata da Alessandro Specchi, è autrice e conduttrice del programma radiofonico “Classica dalla A alla Z” di Radio Livorno Città Aperta. Nel 1991 collabora col gruppo di arti sceniche “Ars Nova” ed insieme al regista Alessio Pizzech è Direttore Artistico della Rassegna “Appuntamenti d’estate… sotto le stelle” a Poggi del Sasso-Cinigiano in Alta Maremma. All’attività concertistica affianca quella di ricercatrice, di storica e di critica, tenendo conferenze e lezioni-concerto sul repertorio pianistico e musicale in genere, da Bach ai contemporanei, collaborando con numerose Istituzioni (Circolo Livornese Amici dell’Opera “Galliano Masini”, Istituto Comprensivo di Fauglia, Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea, Associazione Corale “P. Mascagni”, Circolo del Cinema Kinoglaz, etc.). Didattica: Insegna Pianoforte all’Istituto Musicale “Rodolfo Del Corona” di Piombino dal 1986 al 1990. Dal 1991 al 1994 è docente e Vice-Presidente dell’Istituto Musicale “Antonio Bacchelli” s.c.r.l di Livorno. Nel 1997/1998 è docente supplente all’Istituto “T. Pate” di Livorno. Nel 1998 è docente supplente all’Istituto Musicale Pareggiato “G. Puccini” di Gallarate (VA). Dall’Anno Accademico 1998/1999, quale vincitrice del relativo Concorso Ministeriale, è Docente di ruolo di Pianoforte Principale nei Conservatori di Musica italiani. Dal 2003 a tutt’oggi è anche docente nei Corsi Accademici di I Livello (Bachelor) e nei Corsi Accademici di II Livello (Master) di prassi esecutive e repertori solistici, prassi esecutive e repertori con orchestra, prassi esecutive e repertori per la didattica, storia della letteratura pianistica, storia e analisi del repertorio, fondamenti di storia e tecnologia dello strumento, psicofisiologia dell’esecuzione pianistica, metodologia dell’insegnamento strumentale, analisi delle forme compositive, accompagnamento al pianoforte, pratica dell’accompagnamento al pianoforte per cantanti. Nominata anche come Funzione Obiettivo per l’attività artistica e eletta capo-dipartimento degli strumenti a tastiera e a percussione. Titolare di cattedra al Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani (1998-2004), al Conservatorio “C. G. da Venosa” di Potenza (2004-2006), al Conservatorio “G. F. Ghedini” di Cuneo (2006/2007), al Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria (2007-2012), attualmente è Docente al Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia, dove è anche membro eletto in Consiglio Accademico per il triennio 2019-2022. Nel corso della sua carriera didattica insegna, inoltre, anche al Conservatorio “G. B. Pergolesi” di Fermo (2003-2005) e al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro (2013-2016) con provvedimenti di utilizzazione temporanea, su domanda e in seguito a valutazione del cv e delle pubblicazioni, come da O. M. per la mobilità del personale docente delle Accademie e dei Conservatori. Suoi allievi sono ripetutamente premiati in Concorsi Nazionali ed Internazionali. È invitata a tenere Masterclass in Italia e all’estero (Beijing, Cina) e fa parte di giurie in Concorsi. Pubblicazioni: Programmi di sala per concerto: Aldo Ciccolini (pf.); Trio Mozart: Maryse Regard (vl.), Franco Maggio Ormezowski (vcl.), Alessandro Specchi (pf.), Vincenzo Mariozzi (cl.), Luciano Giuliani (cr.); Junge Philharmonie ZentralSchweiz: Thüring Bräm (dir.); O.R.T. Orchestra della Toscana: Alan Curtis (dir.), Daniela Mazzuccato (sop.), Roberto Scaltriti (bar.); Stanislav Bunin (pf.); Orchestra Istituto Mascagni: Nicola Paszkowski (dir.); Trio d’Archi della Scala: Stefano Pagliani (vl.), Danilo Rossi (vla.), Enrico Dindo (vcl.); Orchestra Istituto Mascagni/Trio Europa: Lorenzo Parigi (dir.), Pavel Vernikov (vl.), Alain Meunier (vcl.), Christian Ivaldi (pf.); Alessandro Specchi (pf.), Giorgio Zagnoni (fl.), P. F. Cardarelli (cb.), Giampaolo Ascolese (batteria); E. Co Ensemble per l’esperienza contemporanea; Quintetto Atmos: Daniel Rivera (pf.), Stefano Agostini (fl.), Flavio Cucchi (ch.), Paolo Antonio Tommasi (cb.), Ettore Fancelli (batteria); Il Giardino Armonico: Giovanni Antonini (dir.); Concertgebouw Chamber Orchestra Amsterdam: Marco Boni (dir.); Orchestra Istituto Mascagni: Lorenzo Parigi (dir.),Flavio Cucchi (ch.); Rudolf Buchbinder (pf.); Accademia Strumentale Toscana: Alessandro Pinzauti (dir.), Alberto Bologni (vl.); Pietro De Maria; BBC Scottish Symphony Orchestra: Jerzy Maksymiuk (dir.), Dmitri Bashkirov (pf.); Murray Perahia (pf.); Grigorij Sokolov (pf.); François-Joël Thiollier (pf.); Giulio Cecconi (pf.); Duo Vagnarelli-Caputo (vl.-pf.). Aulos (Accademia Italiana dei Legni, Gruppo di Ricerca sulla Storia Musicale di Livorno): Testi Drammatici per Musica della Biblioteca Labronica di Livorno (a cura di R. Chiti e F. Marri), Quaderni della Labronica, parte I-parte II, 1991-1994; Bollettino Anno V (1991) nn. 1-2; Bollettino Anno IV (1990) n. 2; Bollettino Anno IV (1990) n. 1; Bollettino Anno III (1989) n. 1; Bollettino Anno II (1988) nn. 1-2. Conferenze – ExCinema AuroraLivorno, Liederabend di Francesca Caligaris e Sergio Innocenti; ISIS Niccolini-Palli Livorno: Ritratti a voce-L’antimafia dei fatti, dalla cronaca alla storia per la verità e la giustizia (in occasione della mostra di Letizia Battaglia ai Granai di Villa Mimbelli); Kinoglaz Circolo del Cinema: KinoOpera via satellite, con Elisabetta Porta, 15 minuti di presentazione a La Bayadère, Manon, Turandot, La Bella Addormentata, Don Giovanni K 527, Madama Butterfly, Macbeth, Il Lago dei Cigni, Il Barbiere di Siviglia, Lo Schiaccianoci, Die Zauberflöte/Il flauto magico K 620, La Bohème, Cosi fan tutte K 588, Falstaff, Cavalleria Rusticana, Pagliacci, Giselle, Le nozze di Figaro K 492, Die Walküre/La Valchiria; Sala LEM Livorno: Storia d’Italia e terrorismo con Nando dalla Chiesa, Andrea Casalegno e Catia Sonetti (in collaborazione con Istoreco-Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea); Kinoglaz Circolo del Cinema: con Elisabetta Porta “Ascoltare l’immagine – Ennio Morricone” (Lezione-Concerto); Libreria Gaia Scienza,Livorno: Presentazione del libro Album di famiglia di Nando dalla Chiesa con l’Autore, Laura Bandini e Roberto Goracci; Kinoglaz Circolo del Cinema: con Elisabetta Porta “Vedere il suono-Stanley Kubrick 2”; Kinoglaz Circolo del Cinema: con Elisabetta Porta “Vedere il suono–Stanley Kubrick 1”; Libreria Feltrinelli, Firenze, Via de’ Cerretani: Presentazione del libro Le due guerre di Gian Carlo Caselli con l’Autore e Elisabetta Caponnetto; Circolo Livornese Amici dell’Opera “Galliano Masini”: Herbert Von Karajan; Schubert, Winterreise D911; Il disco come vetrina della musica e dell’interpretazione (prolusione); Beethoven, Beethoven, Concerto in Do Maggiore n. 1 op. 15; Beethoven, Concerto in Si bemolle Maggiore n. 2 op. 19 per pianoforte e orchestra; Beethoven, Concerto in do minore n. 3 op. 37; Beethoven, Concerto in Sol Maggiore n. 4 op. 58 per pianoforte e orchestra; Beethoven, Concerto in Mi bemolle Maggiore n. 5 op. 73 per pianoforte e orchestra; Wolfgang Amadeus Mozart, Requiem in re minore per soli, coro e orchestra KV 626; Così fan tutti… Tanti auguri, Herr Mozart! (250° anniversario della nascita); Concertisti e Scuole di Musica dell’Ottocento Livornese; Brahms, Concerto in Re Maggiore op. 77 per violino e orchestra; Beethoven, Concerto in Re Maggiore op. 61 per violino e orchestra; Beethoven, Sinfonia in Do Maggiore n. 1 op. 21; Beethoven, Sinfonia in Re Maggiore n. 2 op. 36; Beethoven, Sinfonia in do minore n. 3 op. 55; Beethoven, Sinfonia in Si bemolle Maggiore n. 4 op. 60; Beethoven, Sinfonia in do minore n. 5 op. 67; Beethoven, Sinfonia in Fa Maggiore n. 6 op. 68; Beethoven, Sinfonia in La Maggiore n. 7 op. 92; Beethoven, Sinfonia in Fa Maggiore n. 8 op. 93; Beethoven, Sinfonia in re minore n. 9 per soli, coro e orchestra op. 125; Lieder per voce e… (Martini, Strauss, Schubert, Martucci); Brahms, Ein Deutsches Requiem per soli, coro e orchestra op. 45; Nuovi orientamenti del repertorio, dal Barocco al Romanticismo (Lezione-Concerto); Dalla liederistica alla Romanza da salotto; Elisabeth Schwarzkopf; Unitre, Università della Terza Età Livorno: Guida all’ascolto della Sonata barocca e della Sonata classica; Caleidoscopio delle tonalità: Incontro in mi minore; Caleidoscopio delle tonalità: Incontro in do minore; Scene da un matrimonio: il Lied, frutto dell’attrazione fatale fra poesia e musica; La musica colta veicolata attraverso i media: scelte, uso e abuso; Favole nella musica: Viaggio fantastico con Čajkovskij, Ravel e Stravinskij; Le forme di musica per danza: Itinerario europeo, popolare ed aristocratico; Wolfgang Amadeus Mozart, Requiem in re minore per soli, coro e orchestra KV 626; Conservatorio Statale di Musica “Giacomo Puccini” di La Spezia: Il Romanticismo musicale e pianistico; Associazione Corale “Pietro Mascagni”: Il Lied di Schubert. English – Training: She started her studies with Mila Pignero  Orlando at the Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni” in Livorno, her hometown, where she brilliantly graduated in 1987 in Liana De Botton Gragnani’s class. Starting from 1985 to 1987 she also attended the Summer Courses in Pianistic Interpretation and High Musical Perfection with Michele Marvulli at the Accademia Musicale Pescarese, where she reached Diplomi di Profitto and performed in the Final Concerts reserved to the best students. Later she improved with Hector Daniel Rivera, Giampiero Semeraro and, for chamber music, with cellist Giovanni Bacchelli. In 1991 she emerged in the Musical Analysis Seminary held by Piero Rattalino at the Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” in Imola (BO), where she signed as auditor student (due to age limit) and attended seminaries and masterclasses held by Aldo Ciccolini, Rosalyn Tureck, Jorge Demus, Boris Petrushansky etc. At the age of 17 she got the scientific high-school diploma and then she signed up for the Faculty of Letters and Philosophy, Degree Course in musical disciplines – D.A.M.S., at the Università degli Studi “Alma Mater Studiorum” in Bologna, where she took some exams (with Aldo Clementi, Loris Azzaroni, Alberto Gallo above the others). Competitions and Prizes: From her very youth she successfully took part in many National and International Competitions, finishing on podium: 1st Prize at the Trofeo “P. Napoli” in Livorno in 1982, 3rd Prize at the Concorso “Città di Albenga” in 1982, 2nd Prize at the Concorso “Città di Genova” in 1986 and 1989, 2nd Prize at the Concorso “Città di Velletri” in 1989. In 1990 she was awarded by the Prize “Arte e Cultura” by the Gruppo Artistico “Gino Consani” for artistic credits dating back to 1989. In 1990-91 she won the Prize-concert in the Rassegna “Giovani Concertisti” in Busto Arsizio (VA), launched by the Società del Quartetto. In 1994 she was admitted, by curriculum, in the International Competition for piano and orchestra “Città di Cantù”. She won the Competition for exams and titles to Chairs of Main Piano in Musical Conservatories  launched with D. M. July 18th 1990. Concerts and Artistic Activity: Since 1982 she performed in various concerts, being appreciated as solist, in duos with flute, piano duos, duos with guitar, duos with singer, as solist with orchestra, as substitute master and choir director, in Italy (Roma, Firenze, Venezia, Verona, Genova, Siena, Amalfi, Forio – Isola d’Ischia, Livorno, Castiglioncello, Cecina, Piombino, Portoferraio – Isola d’Elba, Montegiorgio, Servigliano, Ponsacco, etc.) as abroad (China: Chengdu; France: Moulin d’Andé – Eure/Normandie; Belgium: Bruxelles, Braine l’Alleud, Tournai). She is member of “Aulos – Accademia Italiana dei Legni”, with whose research group she implemented the filing of thousands of opera librettos, then published in “Quaderni della Labronica” and she curated the schedules for the concerts of C. E. L. Comitato Estate Livornese’s musical season. Starting from 1990 to 1994 she was author and presenter of broadcast “Classica dalla A alla Z” [transl. “Classical Music from A to Z”] of Radio Livorno Città Aperta. Alongside the concert activity she is a researcher, historian and critic, holding conferences and concert-lessons about pianistic and musical repertoire, from Bach up to contemporaries, collaborating with many territorial Institutions (Circolo Livornese Amici dell’Opera “Galliano Masini”, Istituto Comprensivo di Fauglia, Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea, Circolo del Cinema Kinoglaz, etc.). Didactic: She taught piano at the Istituto Musicale “Rodolfo Del Corona” in Piombino since 1986 to 1990. Starting from 1991 to 1994 she was teacher and Vice-President of the Istituto Musicale “Antonio Bacchelli” s.c.r.l in Livorno. In 1997/1998 she was substitute teacher at the Istituto “T. Pate” in Livorno. In 1998 she was substitute teacher at the Istituto Musicale Pareggiato “G. Puccini” in Gallarate (VA).Starting from the Academic Year 1998/1999, as a winner of the Ministerial Competition, she is tenured professor of Main Piano in Italian Musical Conservatories. Since 2003 she is professor in Academic Courses 1st Level (Ba) and 2nd Level (Master) of executive practices and solistic repertoires, executive practices and orchestra repertoires, executive practices and didactic repertoires, history of piano literature, repertoire history and analysis, foundation of history and technology of the instrument, pianistic performance psychophysiology, instrumental teaching methodology, analysis of compositional forms, piano accompaniment, practice of piano accompaniment for singers. She has been nominated Objective Function for artistic activity and chief-department of Keyboard and Percussions Instruments. She held the chair at the Conservatorio “A. Scontrino” in Trapani (1998-2004), Conservatorio “C. G. da Venosa” in Potenza (2004-2006), Conservatorio “G. F. Ghedini” in Cuneo (2006-2007), Conservatorio “A. Buzzolla” in Adria (2007-2012). Currently she is tenured professor at the Conservatorio “G. Puccini” in La Spezia, where she is also a member of Academic Council for the three-year period 2019-2022. During her didactic career she taught at the Conservatorio “G. B. Pergolesi” in Fermo (2003-2005) and at the Conservatorio “G. Rossini” in Pesaro (2013-2016) as a temporary teacher. Her students are regularly awarded in National and International Competitions. She was invited to hold Masterclasses in Italy and abroad (Beijing, China) and she is a member of the jury of various competitions. www.letiziainnocenti.it


Endrio Luti

Ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “N. Paganini” di Genova sezione distaccata di La Spezia conseguendo il diploma di Corno. Si è diplomato successivamente presso il Conservatorio “L.Cherubini “ di Firenze in Fisarmonica Classica con il massimo dei voti. Ha approfondito i suoi studi frequentando i corsi di perfezionamento dei maestri Salvatore di Gesualdo , Ivano Battiston e Ugo Noth. Ha svolto attività concertistica per importanti Associazioni musicali in numerose città Italiane (Genova, Savona, Cremona, Salerno, Reggio Calabria, Torino, Macerata, Parma, Riccione, Piacenza, Pontremoli, Livorno, Bergamo, Siracusa ecc.). Si è esibito anche all’estero, in Svizzera a Losanna (in occasione del Festival “Tango Follies”) in Polonia nelle città di Krosno, Iwoniczu, Jaroslaw, Sanok e Przemysl. In Belgio a l’Acadèmie de Musique de la Bouverie nella città di Frameries in Germania a Stoccarda nella Grober Sitzungssaal per l’Istituto di Cultura Italiano. Ha collaborato con numerosi musicisti tra i quali: M. Damerini, R. Vernizzi, M. Podestà, A. Plotino, F. Russo, M. Falaschi, G. Carmassi ecc… Si è esibito con varie formazioni cameristiche tra cui l’Ensemble “Edgard Varèse” nell’esecuzione della Kammermusik n°I di P. Hindemith al Teatro Regio di Parma. Con l’Ensemble strumentale “Hyperion”si è avvicinato alla musica Argentina di Astor Piazzola tenendo numerosi concerti in Italia e all’Estero. Ha suonato con l’Orchestra da Camera“A. Mussinelli” e ha eseguito più concerti come solista con l’Orchestra Sinfonica di Massa Carrara. Ha fondato il Gruppo Strumentale “Ance Libere” formazione estremamente duttile, ideata per valorizzare il ruolo della Fisarmonica nella musica da camera. Nel 1993 ha Partecipato all’incisione di un disco per Amnesty Intenational (“Strani Itineranti Zoom “). Con il pianista Marco Podestà ha inciso le “Cuatro Estaciones Portenas” e il Concerto dell’Aconcagua di Astor Piazzolla per la prestigiosa ditta di fisarmoniche Bugari Armando. Ha partecipato, in qualità di ospite, alla “Maratona Musicale” organizzata dal Conservatorio“L. Cherubini” di Firenze in occasione del decennale dell’istituzione della cattedra di Fisarmonica Classica presso lo stesso. Rilevanti sono le affermazioni conseguite in concorsi nazionali e internazionali è stato vincitore del VI e VII Festival “Città di Torino”. E’ stato membro di giuria per i concorsi del “Mese Musicale Genovese”. Ha pubblicato con l’Edizioni Musicali “Physa” varie opere, tra cui un Metodo per Fisarmonica Classica. Attualmente affianca all’attività concertistica un notevole impegno didattico, i suoi allievi hanno ottenuto significative affermazioni nelle più importanti competizioni nazionali. Tiene regolarmente corsi di perfezionamento e dal 2009 è docente di Fisarmonica nei Laboratori di ricerca e perfezionamento musicale coordinati dal M° Giovanni Carmassi a Lizzano in Belvedere (BO) . Insegna fisarmonica presso l’Istituto Musicale “Città di Carrara”. E’ Docente di Fisarmonica Classica presso Il Conservatorio Superiore di Musica “Giacomo Puccini” di La Spezia dove dal 2014 al 2020 ha ricoperto la carica di Vicedirettore.


Roberto Menichetti

Nato a Pisa, si è diplomato al Conservatorio di Musica di Firenze, prima in Pianoforte e poi in Organo e Composizione Organistica, con il massimo dei voti. Intrapreso lo studio del Clavicembalo, si è diplomato a pieni voti nel 1992, presso il Conservatorio di Bologna. Nel 1991 si è trasferito ad Amsterdam, dove ha studiato Clavicembalo con Gustav Leonhardt, ottenendo il Diploma di concertista nel 1993 al Conservatorio “Sweelinck” della stessa città. Si è sempre distinto in alcune delle più importanti competizioni internazionali, come il Concorso nazionale organistico di Milano (2° Premio ex-aequo, 1990), il Concorso Internazionale “Schnitger” di Alkmaar (finalista, 1991, Olanda), il Concorso Internazionale per Organo di Bruges (3° Premio, 1994, Belgio), e infine, nel 1995, ha vinto il 3° Premio (1° e 2° non assegnati) al Concorso Internazionale per Clavicembalo di Bruges, considerato uno dei palchi più ambiti e conosciuti per le competizioni relative alla musica antica. Come docente, ha collaborato con la Scuola Comunale di Musica “Mabellini” di Pistoia, con il Conservatorio Statale di Musica di Campobasso finché, in seguito alla vincita del Concorso Nazionale a cattedre indetto dal Ministero della Pubblica Istruzione, è stato nominato in ruolo come docente di Organo e Composizione Organistica, insegnando al Conservatorio di Musica di Matera, al Conservatorio di Musica di Rovigo e attualmente, titolare di cattedra al Conservatorio Statale di Musica “G. Puccini” di La Spezia. Si dedica allo studio della musica antica, privilegiando esecuzioni su strumenti storici. Ha al suo attivo concerti nelle maggiori rassegne italiane e si è esibito come solista all’Organo e al Clavicembalo in Germania, Olanda, Svezia e Giappone. In Giappone, ha tenuto concerti con musica strumentale di J. S. Bach, e Masterclass dedicate al Clavicembalo. Per l’etichetta La Bottega Discantica di Milano, ha inciso un CD dedicato agli Organi storici della Toscana.


Stefano Molardi

Organista, musicologo, clavicembalista e direttore cremonese, deve la sua formazione musicale a personalità di spicco del panorama mondiale quali E. Viccardi, D. Costantini, E. Kooiman, C. Stembridge, H. Vogel, L. F. Tagliavini ed in particolare Michael Radulescu, con il quale si è perfezionato presso la Hochschule für Musik (ora Musikuniversität) di Vienna, con cui ha collaborato, in qualità di basso continuo, all’Académie Bach di Porrentruy (CH). Premiato in numerosi concorsi nazionali ed internazionali organistici, tra cui Pasian di Prato (UD) nel 1998, Viterbo (edizione del 1996), Brugge e il Paul Hofhaimer di Innsbruck, ha intrapreso una brillante carriera come concertista solista e in ensemble da camera, svolgendo un’intensa attività concertistica in importanti rassegne in Italia, in Europa, Brasile, USA, suonando nelle sale più prestigiose del mondo, tra cui la Walt Disney Concert Hall di Los Angeles e la Sala Sao Paulo in Brasile, il Musikverein di Vienna, la Carnagie Hall di New York, la Jordan Hall di Boston il Concertgebouw di Amsterdam, il teatro La Fenice di Venezia, ecc. Come organista è invitato a tenere concerti e masterclasses in prestigiosi festivals in Italia, Europa, USA e Giappone . Nel 2009 ha eseguito a Lugano l’opera omnia organistica di F. Liszt e di C. Franck. È titolare della cattedra d’organo presso il Conservatorio (Scuola Universitaria di Musica) della Svizzera italiana di Lugano e presso il Conservatorio di La Spezia. Ha registrato per Tactus, Christophorus e Deutsch Grammophon. Dal 2003 al 2010 ha registrato per la casa discografia svizzera Divox, sia come solista (4 CD dedicati alla musica organistica di Claudio Merulo), sia come direttore dell’orchestra barocca I Virtuosi delle Muse, che ha diretto dal 2005 al 2013 e con cui ha ottenuto numerosi successi di critica (Amadeus, Early Music, Crescendo) e importanti riconoscimenti internazionali (5 Diapason assegnati dall’omonima rivista francese, 5 stelle di Goldberg, 5 stelle e CD del mese su Amadeus). Ha registrato inoltre per SWR in Germania, MEZZO in Francia, Radio France, Radio Suisse Romande. Come direttore d’orchestra ha all’attivo diversi concerti strumentali e vocali in Italia, Ungheria, Francia, Germania, Austria, Spagna, USA, tra cui la Passione secondo S. Matteo di Bach (Ferrara, chiesa di S. Cristoforo alla Certosa), Passione S. Giovanni e Magnificat di Bach (Ferrara), Requiem di Mozart (Festival dell’Aurora di Crotone), le opere teatrali Ademira di Lucchesi del 1784 (Teatro Dovizi di Bibbiena) Mitridate di Porpora del 1730-36 (Teatro Caldéron di Valladolid), il Farnace e Il Giustino di Vivaldi (Vienna, Theater an der Wien, Theatre des Champs-Elysées, Parigi); concerti a Bilbao, Oldenburg, Rheingau, Cremona (Festival Monteverdi), Parigi, Nantes, Monaco, Innsbruck, Londra, Montpellier, Schwetzingen, Dachau, Miami, Istanbul, Valencia ecc. Dal 2013 è direttore dell’Accademia Barocca Italiana, orchestra che raccoglie l’eredità dei Virtuosi delle Muse. Nel 2013 ha inciso l’opera omnia per organo di J. S. Bach in 15 CD per la casa discografica Brilliant-Classics, ottenendo importanti riconoscimenti internazionali, tra cui 5 stelle della rivista “Musica” e presso la BBC Music Magazine a Londra. Nel 2015 sempre per Brilliant Classics, ha inciso l’opera completa per organo di J. Kuhnau, e nel 2017  l’opera completa di J. Michael Bach e J. Christoph Bach, ricevendo per entrambe le incisioni il “Preis der Deutschen Schallplattenkritik”. Dal 2018 collabora con il violinista Gian Andrea Guerra proponendo letteratura per violino e organo/cembalo dei secoli XVII e XVIII (Duo Seraphim).