Dipartimento di Canto e Teatro musicale

Il Dipartimento è costituito dalle Scuole e dai Docenti in elenco:

La coordinatrice per l’A.A. 2020/21 è la Prof.ssa Fulvia Bertoli ([email protected]).

n.b. Per tutte le Discipline di competenza di ogni docente, si veda il DM n. 90 del 03/07/2009 allegato in calce, dopo il Regolamento dei Dipartimenti.


Il Dipartimento di Canto e Teatro Musicale lavora autonomamente e a stretto contatto con la classe di Esercitazioni orchestrali o con quelle di altri Dipartimenti del Conservatorio. La Scuola di Canto ha l’obiettivo di far acquisire agli studenti le competenze tecniche e culturali specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente il proprio cammino artistico. A tal fine, viene dato particolare rilievo allo studio del repertorio vocale più rappresentativo (operistico, sinfonico, sacro, cameristico) e delle relative prassi esecutive, anche per sviluppare la capacità dello studente di interagire all’interno di gruppi musicali eterogenei. Ciò garantisce, attraverso lo studio approfondito e l’esecuzione in pubblico dei vari repertori, il raggiungimento di una professionalità completa, capace di affrontare anche con successo le competizioni nazionali ed internazionali ed i conseguenti impegni di palcoscenico. La scelta dei titoli da portare in scena è sempre subordinata alla possibilità di attivare percorsi didattico-formativi che vedono impegnati, nei diversi ruoli di protagonisti e non (cantanti solisti, coro, orchestra da camera, maestro al cembalo…) sia gli studenti ‘adulti’ sia quelli più giovani del Conservatorio, con l’obiettivo primario di far conseguire a tutti una elevata preparazione artistica nell’ambito del Teatro musicale.

foto © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia

Fra le numerose e qualificate produzioni e partecipazioni del Dipartimento di Canto e Teatro musicale degli ultimi anni, si ricordano con particolare soddisfazione lo Stabat Mater di Pergolesi, Lo scoiattolo in gamba di Rota, Sogno di una notte di mezza estate di Mendelssohn, La cambiale di matrimonio di Rossini, Suor Angelica di Puccini, Gianni Schicchi di Puccini, Stabat Mater di Boccherini, La modista raggiratrice di Paisiello, La Dirindindina di Paisiello, Il telefono di Menotti, La cantata del caffè di Bach, Der Schulmeister di Telemann, Il maestro di scuola di Pergolesi, Bastien und Bastienne di Mozart, La Medium di Menotti, “Il ‘500: la lode del Signore”, numerosi concerti lirici, “Arie d’opera”, “Scene d’opera”, “Cantate barocche per voce e strumento”, “Le voci del Conservatorio”. Di grande rilievo sono anche le MasterClass, i Seminari, le Conferenze e le Lezioni-Concerto in cui sono protagonisti i nostri Docenti e i nostri studenti.

Fra gli eventi più qualificanti si segnalano le partecipazioni alle attività del Dipartimento di Canto e Teatro Musicale di: Luciana Serra, Rossana Bertini, Nella Anfuso, Alessandro Luongo, Luca Ferraris, Roberta Invernizzi.

n.b. Informazioni tratte dal libro Quarant’anni del Conservatorio di Musica “Giacomo Puccini” della Spezia (1979-2019), Edizioni Giacché


foto © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia

Ines Aliprandi

Laureata in Lettere Moderne all’Università degli Studi di Genova e in Jazz al Conservatorio Musicale “N. Paganini” di Genova, è titolare di cattedra – presso il Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia – di Poesia per Musica e Drammaturgia Musicale e svolge attività musicale, prevalentemente nel settore Jazz, come cantante, pianista e arrangiatrice. Già collaboratrice per i settori cultura e spettacoli con varie testate giornalistiche (tra cui il Corriere Mercantile, La Gazzetta del Lunedì, Il Secolo XIX, Liguria Magazine, Il Giornale dei Grandi Eventi) oggi scrive per la rivista musicale e culturale L’invito.  Ha pubblicato: I Palcoscenici della Lirica, vol. 2 (con R. Iovino) Sagep Editori; I Palcoscenici della Lirica, cronologia (con A.A.V.V.) Sagep Editori; Luigi Cortese (con R. Iovino e G. Ferrari) Edizioni San Marco dei Giustiniani; Giuseppe Verdi, genovese (con A.A.V.V.) LIM Libreria Musicale Italiana; Lucio Battisti, la luce dell’estetica (con J. Aliprandi) Fratelli Frilli Editore. 


Fulvia Bertoli

Nata a Livorno, dopo essersi laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne alla Facoltà di Lettere e Filosofia di Pisa, si diploma brillantemente in canto nel 1988 presso l’Istituto Mascagni di Livorno e si perfeziona successivamente sotto la guida di Maria Trabucco e Liliana Poli. Segue i corsi di perfezionamento tenuti da Claudio Desderi presso la scuola di Musica di Fiesole ed entra a far parte dell’Eurobottega dove approfondisce tecnica e repertorio con Regina Resnik. Partecipa a vari concorsi quali: il Concorso di Conegliano Veneto dove risulta finalista, e il Concorso ASLICO di Milano dove risulta tra i finalisti ma viene comunque inserita nel cast dell’opera allestita in quell’anno dall’asssociazione per i teatri del circuito regionale lombardo. Nel 1993 vince la selezione del Festival Pucciniano edizione giovani e partecipa all’allestimento del Gianni Schicchi sotto la guida di Rolando Panerai. Partecipa all’allestimento delle seguenti opere: la Cecchina di Piccinni, Lucia di Lammermoor di G. Donizetti, Cavalleria Rusticana, Piccolo Marat, Silvano, Si, I Rantzau, Lodoletta e Iris di P. Mascagni, Falstaff, Otello, e La Traviata di G. Verdi, Fanciulla del West, Gianni Schicchi, Manon Lescaut, Madama Butterfly di Giacomo Puccini, Il Ritorno di Ulisse in Patria di Claudio Monteverdi, l’Acqua cheta di G. Pietri, Norma e Sonnambula di V. Bellini, Adriana Lecouvreur di F. Cilea, I Racconti di Hoffmann di J. Offenbach, La Gioconda di A. Ponchielli, Il Piccolo Spazzacamino di B. Britten, Mahagonny Songspiel di K. Weill. Si dedica parallelamente al repertorio oratoriale, liederistico e da camera di cui citiamo soltanto il Pierrot Lunaire di A. Schönberg eseguito per Asolo Musica sotto la guida del M° Giancarlo Andretta e L’Amor Bruco di Manuel De Falla con l’orchestra filarmonica di Udine. Ha collaborato con ensemble musicali barocchi: si citi fra tutti l’ensemble strumentale Europa Galante diretto da Fabio Biondi, con il quale ha eseguito le Cantate BWV 89, 90, 116, 180 di J. S. Bach nella stagione concertistica organizzata dalla Società del Quartetto di Milano e il Concerto Italiano di R. Alessandrini con il quale ha eseguito, nella stagione organizzata dall’Associazione Bologna Festival, e inciso per la casa discografica Opus 111, il V Libro di Madrigali di Monteverdi. E’ docente di Conservatorio da più di dieci anni.


Stefano Bocci

Nato a Siena, si è diplomato in pianoforte con ottimi voti presso l’Istituto Musicale “L. Boccherini” di Lucca sotto la guida della Prof.ssa Clara Cesa Luporini. Ha studiato Composizione sotto la guida del M° Pietro Rigacci e successivamente del M° Gaetano Luporini, ottenendo il compimento medio di Composizione presso il Conservatorio “Cherubini” di Firenze, dove ha seguito un corso di direzione di orchestra tenuto dal M° Alessandro Pinzauti. Si è classificato nelle prime posizioni di concorsi nazionali (1° Premio al VI Trofeo Pietro Napoli Livorno;  3° Premio al VI Festival Internazionale Città di Bardolino; 2° Premio alla 16° Coppa Pianisti d’ Italia – Osimo). Ha svolto attività concertistica in varie formazioni, particolarmente come maestro accompagnatore al pianoforte di concerti lirici e come accompagnatore di Corali. Ha svolto attività di maestro collaboratore in vari eventi tra cui il Festival Internazionale nelle Ville Lucchesi, il Festival Puccini di Torre del Lago, presso il Teatro Comunale Manzoni di Pistoia e il Teatro Comunale Abbado di Ferrara. Ha svolto attività di docenza di Accompagnamento Pianistico presso i Conservatori d’Italia fra cui il Conservatorio “Umberto Giordano” di Rodi Garganico (Foggia),  il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara e il Conservatorio “Puccini” di La Spezia presso il quale ricopre attualmente la cattedra di Accompagnamento Pianistico.


Matelda Cappelletti

Regista e docente di arte scenica. Cresciuta fra la California e la Toscana, ha studiato prima pianoforte e poi canto, laureandosi con lode in lingua e letteratura inglese. Alla Scuola di Musica di Fiesole si è formata professionalmente grazie al Progetto Mozart-Da Ponte, un progetto di formazione, concepito da Piero Farulli e Claudio Desderi, che ha dato vita ad una tournée mozartiana durata quattro anni, contribuendo alla nascita di centinaia di giovani professionisti nel campo dell’opera, sotto la guida di personalità artistiche di livello internazionale come Roberto Guicciardini, Guido Baroni e molti altri. Responsabile per sei anni dell’ufficio di regia del Teatro Verdi di Pisa, ha avuto la fortuna di affiancare, come assistente, alcuni fra i più importanti registi del periodo, apprendendo quanto più possibile da ciascuno di loro. Dal 1996 inizia la propria attività di regista. Le sue fantasiose e insolite messe in scena delle cinque farse in un atto di Rossini, dirette da Claudio Desderi con tre compagnie di giovanissimi interpreti, nati dai corsi di perfezionamento tenuti dal Maestro al Teatro Borgatti di Cento, ebbero un successo immediato e vennero rappresentate in numerosi teatri italiani, fino ad approdare all’Opéra Comique di Parigi, per volere di Jérôme Savary, che creò, apposta per esse, un Festival intitolato “Tout Rossini”. Queste singolari regie suscitarono una reazione forte che coinvolse il pubblico e la stampa parigina, oltre alla televisione italiana. Da quel momento, la sua risposta creativa alla crescente instabilità economica con regie fresche e innovative, realizzate in prevalenza con cantanti giovani e budget limitato, sono state unanimemente apprezzate. È stata invitata da importanti teatri lirici e Festival, in Italia e all’estero, per i quali ha messo in scena un gran numero di opere del grande repertorio, dedicandosi anche alla riscoperta di lavori poco conosciuti o contemporanei. Grata delle opportunità e degli insegnamenti ricevuti si è da sempre impegnata nella diffusione e nella salvaguardia dell’opera lirica, intesa come elemento portante della nostra cultura nel mondo, privilegiando l’aspetto della formazione e della diffusione del teatro in musica soprattutto fra le nuove generazioni, e facendo dell’insegnamento una sua prerogativa, sul palcoscenico, e nelle scelte professionali. Con questo spirito ha affiancato Claudio Desderi per quasi un trentennio, nella Sua incessante e feconda attività di insegnamento e di avviamento alla professione di giovani cantanti e di futuri professionisti e tecnici del teatro lirico, curando la regia della maggior parte delle produzioni scaturite dai corsi di alto perfezionamento tenuti dal Maestro alla Scuola di Musica di Fiesole, alla BYAP (Britten-Pears Young Artist Programme), al Teatro Borgatti di Cento, al Teatro Marrucino di Chieti, al Teatro Bonci di Cesena. Come docente si è a lungo impegnata nel il recupero di ragazzi in situazioni di disagio e nell’insegnamento in carcere: un’esperienza che resta fra le più determinanti e preziose della sua crescita professionale ed umana. Docente di arte scenica al Conservatorio di Teramo per cinque anni, attualmente insegna regia del teatro musicale, recitazione e dizione alla Scuola di Musica di Fiesole e arte scenica al Conservatorio Puccini di La Spezia.


Marcello Lippi

Nato a Genova, ha tre lauree: si è infatti diplomato in canto lirico (omologato laurea) presso il conservatorio Paganini e laureato in discipline musicali-indirizzo interpretativo e compositivo presso l’istituto Accademico Braga di Teramo con il massimo dei voti. E’ anche laureato in lettere moderne presso l’Università degli studi di Genova, sempre con il massimo dei voti. Parla cinque lingue. Baritono. La sua carriera comincia nel 1988 con La notte di un nevrastenico e I due timidi di Nino Rota e subito debutta a Pesaro al Festival Rossini in La gazza ladra e La scala di seta. In seguito canta in Italia nei teatri dell’Opera di Roma (Simon Boccanegra, La vedova allegra, Amica), San Carlo di Napoli (Carmina Burana), Carlo Felice di Genova (Le siège de Corinthe, Lucia di Lammermoor, Bohème, Carmen, Elisir d’amore, Simon Boccanegra, La vida breve, The prodigal son, Die Fledermaus, La fanciulla del west), Fenice di Venezia (I Capuleti e i Montecchi), Massimo di Palermo (Tosca, La vedova allegra, Orphée aux enfers, Cin-ci-là, Barbiere di Siviglia), Massimo Bellini di Catania (Wienerblut, Der Schulmeister, Das Land des Lächelns), Maggio Musicale di Firenze (Il finanziere e il ciabattino, Pollicino), Regio di Torino (The consul, Hamlet, Elisir d’amore), Arena di  Verona (La vedova allegra), Verdi di Trieste (I Pagliacci, Der Zigeuner Baron, Die Fledermaus, Al cavallino bianco, La vedova allegra), Lirico di Cagliari (Die Fledermaus, La vida breve), Piacenza (Don Giovanni), Modena (Elisir d’amore), Ravenna (Elisir d’amore), Milano (Adelaide di Borgogna), Savona (Medea, Il combattimento di Tancredi e Clorinda, Torvaldo e Dorliska), Fano (Madama Butterfly), Bari (Traviata, La Cecchina), Lecce (Werther, Tosca), Rovigo (Werther, Mozart e Salieri, The tell-tale heart, Amica), Pisa (Il barbiere di Siviglia, La vedova allegra), Lucca (Il barbiere di Siviglia) eccetera. All’estero si è esibito alla Monnaye di Bruxelles (La Calisto), Berlin Staatsoper (Madama Butterfly, La Calisto), Staatsoper Wien (La Calisto), Staatsoper Muenchen (Giulio Cesare in Egitto), Liceu di Barcelona (La gazza ladra, La Calisto, Linda di Chamounix), Atene (Il barbiere di Siviglia, Madama Butterfly), Dublin (Nozze di Figaro, Capuleti e Montecchi), Lyon (Nozze di Figaro, La Calisto), Paris (Traviata, Nozze di Figaro), Dresden (Il re Teodoro in Venezia, Serse), Nice (Nozze di Figaro, The Tell-tale heart), Ludwigshafen (Il re Teodoro, Serse), Jerez de la Frontera (Nozze di Figaro), Granada (Nozze, Tosca), Montpellier (Calisto, Serse), Alicante(Traviata, Don Giovanni, Rigoletto, Bohème), Tel Aviv (Don Pasquale, Elisir d’amore, Traviata), Genève (Xerses, La purpura de la rosa), Festival Salzburg (La Calisto), Madrid Zarzuela (La purpura de la rosa, Don Giovanni), Basel (Maria Stuarda), Toronto (Aida), Tokio (Traviata, Adriana Lecouvreur), Hong Kong (Traviata), Frankfurt (Madama Butterfly), Dubrovnik (Tosca), Cannes (Tosca), Ciudad de Mexico (La purpura de la rosa), Palma de Mallorca (Turandot e Fanciulla del west), Limoges (Tosca), Toulon (Linda di Chamounix), Macao (Turandot) ed altre decine di teatri in differenti nazioni del mondo. incisioni discografiche in commercio: 1989 – Live from R.O.F. Pesaro, Rossini, La gazza ladra; 1991 – Live from Teatro La Fenice Venezia, Bellini, I Capuleti e i Montecchi; 1992 – Live from Teatro Carlo Felice Genova, Rossini, Le siège de Corinthe – orch. T. Carlo Felice;1994 – Studio, Martin y Soler, Il tutore burlato; 1994 – Live from T. dell’Opera Giocosa Savona, Pacini, Medea; 1995 – Studio, Cavalli, La Calisto;1995 – Studio, Monteverdi, Madrigali guerrieri e amorosi; 1996 – Studio, Vivaldi, Il Teuzzone; 1998 – Voyage en Italie, studio;1998 – 2000 Years of music; 1999 – Studio, Torrejon y Velasco,  La purpura de la rosa; 1999 – History of baroque music; 2002 – Live from Teatro Lirico Cagliari De Falla,  La vida breve; 2002 – Les Lumieres du baroque, studio, DVD; 1997 – Opera de Lyon Mozart, Le nozze di Figaro; 2000 – Händel, Xerses, Semperoper Dresden; 2004 – Coli, The tell-Tale heart, Teatro Sociale di Rovigo; 2006 – Cavalli, La Calisto, La Monnaie,  Bruxelles; 2009 – Strauss, Der Zigeuner Baron, Teatro Verdi Trieste. Dal 2004 al 2009 ha ricoperto l’incarico di Direttore Artistico e Sovrintendente del Teatro Sociale di Rovigo. Nel 2010 è stato direttore dell’Italian Opera Festival di Londra. Dal 2011 al 2016 è stato direttore artistico della Fondazione Teatro Verdi di Pisa. Dal 2017 al 2019 è stato casting manager per la società di produzione Golden Globe Production nella sede di Praga. Ha insegnato “Management del Teatro” all’Accademia del Teatro alla Scala di Milano, attualmente insegna la materia nell’ambito del progetto regionale toscano Music Pro, presso il Festival Pucciniano di Torre del Lago Puccini e per la Regione Toscana progetto Dipas. Dal 2015 firma come Regista importanti spettacoli operistici in tutto il mondo: il Trittico di Puccini ad Osaka (Giappone), Don Giovanni a Pafos (Cipro), Jolanta e Aleko a Banska Bistrika, Don Pasquale a Massa Marittima, Cavalleria rusticana, Traviata, Tosca, Rigoletto, Suor Angelica e altre importanti produzioni estere e italiane. Ha firmato la regia anche di opere moderne come Salvo d’Acquisto al Verdi di Pisa e barocche come Il Flaminio con il Maggio Formazione di Firenze e Incoronazione di Poppea di Monteverdi produzione toscana di Opera Network. Docente di canto lirico in conservatorio a La Spezia, Alessandria, Udine, Ferrara, Rovigo e ora nuovamente a La Spezia. Ha fatto Master Class in varie parti del mondo, Kiev (accademia Ciaikovski), Shangai, Chengdu, Osaka, San Pietroburgo, San Josè de Costarica, Hohhot ed in moltissime città italiane Modena, Genova, Catania, Torino, Roma, Belluno ecc. Musicologo, ha pubblicato molti saggi: Alla presenza di quel Santo, 2005, quattro edizioni e 2013; Era detto che io dovessi rimanere…  2006; Da Santa a Pina, le grandi donne di Verga, 2006, due edizioni; Puccini ha un bel libretto, 2005 e 2013; A favore dello scherzo, fate grazia alla ragione, 2006 e 2013; La favola della “Cavalleria rusticana”, 2005; Un verista poco convinto, 2005; Dalla parte di don Pasquale, 2005; Ti baciai prima di ucciderti, 2006 e 2013;  Del mondo anima e vita è l’amor, 2007 e 2014; Vita gaia e terribile, 2007; Genio e delitto sono proprio incompatibili?, 2006 e 2012; Le ossessioni della Principessa, 2008 e 2012; Dal Burlador de Sevilla al dissoluto punito: l’avventura di un immortale, 2014; L’uomo di sabbia e il re delle operette, 2014; Un grande tema con variazioni: il convitato di pietra, 2015; E vo’ gridando pace e vo’ gridando amor, 2015; Da Triboulet a Rigoletto, 2011 e 2016; Un trittico molto particolare, 2016, editi da Teatro Sociale di Rovigo, Teatro Verdi di Padova, Teatro Comunale di Modena, Festival di Bassano del Grappa, Teatro Verdi di Pisa, Teatro Alighieri di Ravenna. Ha contribuito al volume Una gigantesca follia – Sguardi sul don Giovanni per la casa editrice ETS. Come attore è stato spalla di Oreste Lionello, Vincenzo Salemme, Leo Gullotta, Gianfranco Jannuzzo, Massimo Dapporto, Gennaro Cannavacciuolo, Elio Pandolfi, Chiara Noschese in produzioni d’operetta. Come scrittore nel 2012 ha edito un libro di poesie, Poesie 1996-2011, presso la casa editrice ABEdizioni. È nell’antologia di poeti contemporanei Tempi moderni edito da Libroitaliano World. Critico musicale della rivista You-ng, per la stessa rivista ha pubblicando a puntate il romanzo L’inconsapevole trinità. È autore delle versioni italiane del libretto delle opere: Rimskji-Korsakov,  Mozart e Salieri; Telemann, Il maestro di scuola (entrambe rappresentate al Teatro Sociale di Rovigo ed al teatro Verdi di Pisa); Dargomiskji,  Il convitato di pietra, rappresentata al teatro Verdi di Pisa.


Marcello Nardis

Insieme con i diplomi di pianoforte, canto e musica da camera, conseguiti nei Conservatori di Napoli, Roma e Firenze, si è laureato con lode in Lettere classiche, Archeologia cristiana e Pedagogia musicale presso le Università degli studi di Roma, La Sapienza e di Bologna, Alma Mater. È noto in Italia per la sua frequentazione del repertorio liederistico, sia da cantante che da pianista, e per la sua versatilità con il Teatro musicale moderno e contemporaneo. Ha inciso i Lieder di Liszt con Michele Campanella e la Winterreise con Norman Shetler e Paul Badura-Skoda.


Marco Podestà

Ha conseguito i diplomi di pianoforte, composizione, musica corale e direzione di coro presso i conservatori di Genova e Parma. Ha quindi ottenuto il diploma accademico di secondo livello a indirizzo solistico con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale presso il conservatorio di Firenze. Ha studiato con i maestri Giovanni Carmassi e Piero Luigi Zangelmi, e si è perfezionato a Londra con la pianista Maria Curcio. Vincitore di competizioni pianistiche, svolge da molti anni una brillante attività, ospite di prestigiose istituzioni (Filarmonica di Minsk, Filarmonica di San Pietroburgo, Festival Internazionale di Victoria, Chopin Hall di Seoul, Maison des Arts di Tunisi, Radiotelevisione di Bucarest ecc.). Ha tenuto centinaia di concerti solistici, cameristici e con orchestra in Belgio, Corea del sud, Danimarca, Francia, Germania, Malta, Repubblica Ceca, Repubblica Popolare Cinese, Romania, Russia, Slovenia, Spagna, Ucraina, Ungheria, Tunisia, Venezuela. Ha inciso un significativo repertorio, contenuto in una decina di CD, per etichette quali Divine Art e Antes. Sue registrazioni sono state trasmesse dalla RAI, dalla Radio Vaticana, da Rai 1, Rai 2 e da altre emittenti radiotelevisive nazionali. Ha debuttato oltre venti Concerti per pianoforte e orchestra, collaborando con direttori di fama internazionale tra cui Emil Simon, Victor Dubrovskij e Ladislau Rooth. Tiene da tempo corsi di interpretazione pianistica in Italia e all’estero. Vincitore del concorso nazionale per esami e titoli, è docente titolare al Conservatorio “G. Puccini” della Spezia.


Video © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia
foto © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia
foto © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia