Clavicembalo e Tastiere storiche DCPL14

Il settore artistico-disciplinare Clavicembalo e Tastiere storiche rientra nell’Area delle Discipline Interpretative della musica Antica; concerne l’acquisizione delle abilità tecniche e delle competenze musicali, culturali e interpretative relative allo strumento antico necessarie per affrontare con piena consapevolezza le prassi esecutive storiche, con estensione al clavicordo e al fortepiano. Per il raggiungimento di tali obiettivi si studiano in particolare le tecniche esecutive specifiche del periodo compreso tra il rinascimento e il classicismo, la pratica del basso continuo relativa allo strumento e si approfondisce la conoscenza organologica, della letteratura, dei vari stili e dei sistemi di accordatura presenti in Europa nello stesso periodo. La pratica strumentale è supportata da una riflessione teorica sulle possibili interpretazioni a partire dallo studio dei trattati e delle fonti, con particolare riferimento all’ornamentazione, all’improvvisazione, alla gestualità e alle tecniche di esecuzione della musica contemporanea. E’ prevista inoltre la conoscenza delle metodologie riferite alla didattica dello strumento (vd. pag. 28 del DM n. 90 del 03/07/2009 allegato in calce).

Il programma dell’Esame di ammissione al corso di Diploma accademico di primo livello in Clavicembalo e Tastiere storiche è articolato nelle seguenti prove: 

  1. Esecuzione al clavicembalo, organo o pianoforte di un programma di durata non inferiore a 25’ (25 minuti) scelto dal candidato e comprendente: a) una composizione di J. S. Bach; b) una Sonata di D. Scarlatti o altro autore italiano coevo; c) una composizione di autore francese o tedesco prebachiano. 
  2. Colloquio motivazionale.

Prassi Esecutive e Repertori 1, 32 ore (18 cfa)

Forma di verifica: esame sostenuto davanti a Commissione.

a) al Clavicembalo:

Esecuzione di un programma di durata non inferiore a 40 minuti, comprendente le seguenti composizioni originali:

  • J. S. Bach: almeno tre movimenti di una Suite francese o inglese
  • F. Couperin: due Preludi de L’Art de toucher le clavecin estratti a sorte fra quattro preparati dal candidato
  • Almeno due Pièces di autore francese a scelta del candidato
  • D. Scarlatti: due Sonate di diverso carattere
  • G. Frescobaldi: una Toccata o una Canzone a scelta del candidato
  • Una composizione di autore italiano o straniero scelta nel periodo antico (per l’esecuzione il candidato potrà scegliere anche il Clavicordo)

b) al Clavicordo:

  • Una composizione estratta a sorte fra quattro scelte fra le Invenzioni o Sinfonie o Duetti di J. S. Bach preparati dal candidato
  • Un Preludio e Fuga tratto dal Wohltemperierte Klavier (I e II vol.) di J. S. Bach estratto a sorte fra due preparati dal candidato

c) Colloquio: aspetti esecutivi ed interpretativi del repertorio studiato nel corso dell’anno.

Prassi Esecutive e Repertori 2, 32 ore (18 cfa)

Forma di verifica: esame sostenuto davanti a Commissione.

a) al Clavicembalo: esecuzione di un programma di durata non inferiore a 45 minuti, comprendente le seguenti composizioni originali:

  • W. Byrd o virginalista inglese: una composizione
  • Una composizione di autore italiano o straniero scelta nel periodo antico diversa da quella scelta l’anno precedente (per l’esecuzione il candidato potrà scegliere anche il Clavicordo)
  • G. Frescobaldi: una Toccata diversa da quella eventualmente scelta l’anno precedente
  • J. S. Bach: due Preludio e Fuga tratti dal Wohltemperierte Klavier (I e II vol.) estratti a sorte fra sei preparati dal candidato, diversi da quelli scelti l’anno precedente (per l’esecuzione il candidato potrà scegliere anche il Clavicordo)
  • G. F. Händel: una Suite o una importante composizione
  • D. Scarlatti: 2 Sonate di diverso carattere, diverse da quelle scelte l’anno precedente
  • Almeno 3 Pièces di autore francese comprendenti un Preludio non misurato.

b) al Fortepiano: Una o più composizioni di autore italiano o straniero tratta dal repertorio tardo settecentesco

c) Colloquio: Aspetti esecutivi ed interpretativi del repertorio studiato nel corso dell’anno.

Prassi Esecutive e Repertori 3, 32 ore (18 cfa)

Forma di verifica: esame sostenuto davanti a Commissione.

a) al Clavicembalo:

Esecuzione di un programma della durata non inferiore a 45 minuti, contenente le seguenti composizioni originali:

  • G. Frescobaldi: una composizione scelta tra le Toccate del I o II Libro, diversa da quelle scelte gli anni precedenti; le Partite diverse sopra l’Aria di Romanesca o sopra Ruggiero o sopra La Monicha o Partite Cento sopra Passacagli
  • J. S. Bach: una importante composizione, diversa da quelle scelte gli anni precedenti, scelta tra: Toccate BWV 910-916, Fantasia cromatica e Fuga BWV 903, Suites Inglesi BWV 806-811, Partite BWV 825-830, Concerto nello Stile Italiano BWV 971, Ouverture nach Franzosischer Art BWV 831, Variazioni Goldberg BWV 988
  • C. P. E. Bach: una Sonata a scelta (per l’esecuzione il candidato potrà utilizzare a scelta anche il Clavicordo o il Fortepiano)
  • F. Couperin: una scelta di non meno di 3 Pièces tratte dal medesimo Ordre
  • J. P. Rameau: una scelta di non meno di 3 Pièces tratte dalla medesima Suite
  • Una composizione di autore moderno.

b) al Fortepiano: Una Sonata di F. J. Haydn o W. A. Mozart diversa da quella eventualmente scelta l’anno precedente.

c) Colloquio: Aspetti esecutivi ed interpretativi del repertorio presentato all’esame.


Prassi Esecutiva e Repertorio del basso continuo 1, 20 ore (6 cfa)

Forma di verifica: idoneità

Si studierà la pratica del basso continuo nello stile italiano, francese e tedesco attraverso la lettura di trattati d’epoca, l’analisi di composizioni musicali e la loro realizzazione pratica.

Programma:

  • cenni storici e stilistici del basso continuo
  • studio pratico del basso continuo italiano, francese, tedesco. Analogie e diversità.
  • esecuzione di brani tratti dal repertorio (anche con altri strumenti e/o cantanti) 

Prassi Esecutiva e Repertorio del basso continuo 2, 20 ore (6 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a commissione.

Propedeuticità: Prassi esecutive e repertori del basso continuo I.

Si svilupperà il programma di basso continuo e di improvvisazione della prima annualità, unitamente a ricerche bibliografiche su repertori e testimonianze.

Programma:

  • cenni storici e stilistici del basso continuo
  • studio pratico del basso continuo italiano, francese, tedesco. Analogie e diversità.
  • esecuzione di brani tratti dal repertorio (anche con altri strumenti e/o cantanti) 

Programma dell’esame:

  1. realizzazione al Cembalo del Basso Continuo di uno o più tempi di una composizione strumentale e/o vocale assegnata dalla Commissione, previo studio di 2 ore, possibilmente con l’organico strumentale e/o vocale richiesto dal brano;
  2. prova orale: lo studente risponderà su argomenti trattati durante il corso di studio.

Prassi esecutive e repertori del basso continuo – Fondamenti di concertazione e direzione, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: idoneità.

Propedeuticità: Prassi esecutive e repertori del basso continuo II.

Verranno esaminati gli aspetti pratici concernenti la concertazione e direzione di ensembles strumentali/vocali barocchi alla luce delle ricerche bibliografiche su repertori, testimonianze e trattati esaminati nel corso degli studi e con riferimento all’uso pratico di alcuni temperamenti storici studiati in precedenza.

Programma:

  • cenni storici e stilistici del basso continuo
  • studio pratico del basso continuo italiano, francese, tedesco. Analogie e diversità.
  • esecuzione di brani tratti dal repertorio (anche con altri strumenti e/o cantanti) 

Trattati e metodi, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a commissione.

Verranno esaminati i più importanti trattati antichi e saggi pubblicati sull’argomento con particolare attenzione a ciò che riguarda gli strumenti a tastiera.

Programma d’esame:

Lo studente potrà preparare una tesina su un argomento specifico trattato durante il corso e dovrà inoltre dimostrare un’adeguata conoscenza di tutti gli argomenti inerenti la prassi esecutiva del repertorio dal Rinascimento al periodo Classico.


Improvvisazione e ornamentazione allo strumento, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a commissione.

Verranno individuate alcune tecniche atte a sviluppare le capacità improvvisative e  propedeutiche alla fioritura e all’improvvisazione estemporanea.

Programma d’esame:

a) Improvvisazione al Cembalo di:

  • una serie di variazioni su un breve basso ostinato assegnato dalla Commissione
  • una breve cadenza di un brano tratto dal repertorio settecentesco o libero sviluppo di una sezione originale di “arpeggi ad libitum” tratti da un brano di repertorio settecentesco assegnato dalla Commissione

b) Fioritura nello stile adeguato di una breve composizione assegnata dalla Commissione

Il candidato avrà a disposizione un’ora e mezza per lo studio sullo strumento.


Accordature e temperamenti, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: idoneità.

Verranno esaminate le problematiche inerenti l’accordatura per quanto riguarda gli aspetti teorici, matematico/ fisici, storici e pratici. In particolare verranno esaminate le principali accordature storiche e le implicazioni che queste comportano applicate al repertorio sia solistico che cameristico, fornendo i mezzi analitico/pratici indispensabili per chi affronta lo studio del repertorio antico e utilizza tastiere storiche.


Fondamenti di storia e tecnologia dello strumento, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: idoneità.

Verranno esaminati gli aspetti riguardanti la storia e l’organologia dei vari strumenti da tasto e della loro evoluzione nei secoli e nei vari Paesi europei dalle prime testimonianze bibliografiche e iconografiche al periodo Classico.


Letteratura dello strumento, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: idoneità.

Il corso si prefigge di esaminare la produzione musicale dedicata agli strumenti a tastiera, dal Rinascimento al periodo Classico per quanto riguarda Clavicordo e Fortepiano e fino ai nostri giorni per quanto riguarda il Clavicembalo, attraverso le varie fonti editoriali antiche e moderne e attraverso i fondi accessibili a mezzo di cataloghi online e alle fonti musicali digitalizzate.


Intavolature, 18 ore (2 cfa)

Forma di verifica: idoneità.

Saranno esaminati i vari tipi di intavolature musicali, con particolare attenzione a quelle per strumenti a tastiera. Attraverso esercitazioni pratiche, verranno individuati i criteri di trascrizione in notazione moderna.


Pratica organistica, 20 ore (10 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a una commissione

Programma d’esame – Esecuzione all’Organo di:

  • una composizione di scuola classica italiana.
  • una composizione di scuola iberica, francese o anglosassone, di autori già oggetto di studio nell’Insegnamento di Clavicembalo.
  • una composizione prebachiana, con facile uso del pedale.
  • un Corale di J. S. Bach, scelto dalla Commissione tra due presentati dal candidato e tratti dall’Orgelbuchlein
  • una composizione di J. S. Bach, con facile uso del pedale, scelta dal candidato.

Colloquio sul programma svolto con riferimento all’arte organaria in questione e alle tipologie di registrazione usate nei brani eseguiti.


Sistemi armonici, 30 ore (4 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a una commissione

n.b. la Disciplina è di pertinenza della Scuola di Composizione


Forme, sistemi e linguaggi musicali, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a una commissione

n.b. la Disciplina è di pertinenza della Scuola di Composizione


Tecniche contrappuntistiche, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a una commissione

n.b. la Disciplina è di pertinenza della Scuola di Composizione


Musica d’insieme per voci e strumenti antichi 1, 20 ore (4 cfa)

Forma di verifica: Idoneità

Programma:

  • accenni alla prassi esecutiva vocale e strumentale dei secoli XVI e XVII
  • studio ed esecuzione di brani del repertorio antico (Monteverdi, Buxtehude, Reinken, Handel, Vivaldi

n.b. La disciplina può essere affidata al Prof. Molardi

Musica d’insieme per voci e strumenti antichi 2, 20 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Idoneità

Programma:

  • accenni alla prassi esecutiva vocale e strumentale dei secoli XVI e XVII
  • studio ed esecuzione di brani del repertorio antico (Monteverdi, Buxtehude, Reinken, Händel, Vivaldi

n.b. La disciplina può essere affidata al Prof. Molardi

Musica d’insieme per voci e strumenti antichi 3, 20 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Esame sostenuto davanti a una commissione

Programma:

  • accenni alla prassi esecutiva vocale e strumentale dei secoli XVI e XVII
  • studio ed esecuzione di brani del repertorio antico (Monteverdi, Buxtehude, Reinken, Handel, Vivaldi

n.b. La disciplina può essere affidata al Prof. Molardi


Fondamenti di concertazione e direzione, 18 ore (3 cfa)

Forma di verifica: Idoneità


Prassi Esecutive e repertori, 15 ore (5 cfa) – per Fisarmonica


Video © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia