Musica Vocale da camera DCSL35

Esame di ammissione:

La prima prova tende a verificare le abilità vocali e la maturità musicale del candidato, la seconda le conoscenze teoriche e di cultura musicale di base.

PRIMA PROVA

1. Presentazione di un programma della durata complessiva di almeno 15 minuti comprendente almeno un’aria tratta dal repertorio lirico e almeno un brano tratto dal repertorio da camera (lied, mélodie, romanza).

La commissione si riserva di interrompere la prova in qualsiasi momento.

Tale prova può essere integrata con ulteriori ambiti di verifica stabiliti in autonomia dalle istituzioni.

SECONDA PROVA

1. Il candidato dovrà dimostrare padronanza nell’utilizzo dei codici di notazione, nella conoscenza degli elementi fondamentali della teoria musicale e nell’esercizio delle fondamentali abilità relative all’ascolto e alla lettura ritmica e cantata.

2. Ulteriori ambiti di accertamento delle competenze musicali di base (Pratica e lettura pianistica, Elementi di armonia e analisi, Storia della musica, ecc.), ritenute necessarie per affrontare il percorso formativo dei singoli corsi di diploma accademico di primo livello, sono definiti in autonomia dalle istituzioni.

COLLOQUIO DI CARATTERE GENERALE E MOTIVAZIONALE

Indirizzo Liederistico

Prova pratica e colloquio – Le prove pratiche e il colloquio mirano a verificare: la preparazione vocale, musicale e culturale del candidato; gli aspetti motivazionali; il curriculum artistico maturato.

Esame di ammissione – Prova pratica:

  • Esecuzione di 3 brani del repertorio vocale da camera in tre lingue diverse: tedesco, francese e un’altra lingua a scelta; per i candidati stranieri il terzo brano scelto dovrà essere in lingua italiana obbligatoria.
  • Breve colloquio inerente la cultura generale e le motivazioni.
  • Presentazione di un curriculum descrittivo del proprio percorso artistico o formativo. 

Indirizzo Madrigalistico e barocco (per cantanti, clavicembalisti e/o organisti)

Obiettivi formativi:

  • per Cantanti: Il corso intende presentare le tecniche vocali da applicarsi per una corretta prassi del repertorio da camera vocale medioevale, rinascimentale e barocco (solistico, a due o più voci, con e senza accompagnamento strumentale – basso continuo – ecc.) evidenziando le particolarità di questo canto, e le sue diverse tipologie e forme artistiche (madrigale, madrigale rappresentativo, frottola, arie seicentesche da camera, duetti da camera, cantate da camera italiane ecc.);
  • per Clavicembalisti e Organisti: Il corso intende presentare le tecniche da applicarsi per una corretta prassi del repertorio da camera vocale rinascimentale e barocco, affrontato dal punto di vista dello strumento a tastiera, in considerazione della vastità del repertorio stesso, e del livello di specializzazione tecnico e culturale che esso richiede allo strumentista oltre che al cantante.

Sbocchi occupazionali: La cosiddetta “Musica Antica” è, da alcuni anni, una nicchia in forte espansione, anche in virtù del forte interesse del pubblico (e degli acquirenti di dischi) per settori del repertorio finora trascurati. Ci pare pertanto importante impostare un Biennio di specializzazione al riguardo, specialmente in senso cameristico, visto che gli strumentisti e i cantanti che si dedicano alla Musica Antica devono essere in grado di collaborare in piccoli ensembles e cori, oltre a possedere una buona preparazione musicale-culturale.

Esame di ammissione:

  • Esecuzione di 3 brani del repertorio vocale da camera in tre lingue diverse: tedesco, francese e un’altra lingua a scelta; per i candidati stranieri il terzo brano scelto dovrà essere in lingua italiana obbligatoria.
  • Breve colloquio inerente la cultura generale e le motivazioni.
  • Presentazione di un curriculum descrittivo del proprio percorso artistico o formativo.