Il Conservatorio


Il Conservatorio Statale di Musica “Giacomo Puccini” della Spezia nasce il 9 settembre 1978 come sede staccata del Conservatorio di Genova, con Decreto istitutivo del Presidente della Repubblica Sandro Pertini.
Il 10 febbraio 1992, con Decreto interministeriale, viene riconosciuto come Istituzione autonoma e nel 1999, con la Legge 508, assume lo status di Istituzione di Alta Formazione Artistica e Musicale, assimilabile al grado universitario.

Le sue finalità sono la formazione, la specializzazione, la ricerca e la produzione musicale.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è IMG_7572-1024x683.jpg
foto Saber Snoussi © Conservatorio “Giacomo Puccini”

Saluto del Direttore e del Presidente

Il Conservatorio “Giacomo Puccini” è molte cose: un luogo di formazione, un centro di produzione artistica e di ricerca musicologica… ma soprattutto vuole essere la casa dei suoi studenti e studentesse. In questa fase in cui il contatto è reso difficile dalle necessarie precauzioni sanitarie ma anche da comprensibili paure, abbiamo cercato di tenere aperti quanti più corsi possibile in presenza, mantenendo a distanza quelli che avrebbero comportato la frequenza in gruppi numerosi. Tuttavia, grazie  al sostegno dell’Amministrazione comunale, vedremo presto ricominciare anche le esercitazioni orchestrali al Teatro Civico e quelle corali in Sala Dante, mentre il Conservatorio da tempo si è dotato di un protocollo che ha garantito la sicurezza di allievi e docenti. Il potenziamento delle reti digitali e l’acquisto di nuove attrezzature informatiche, unitamente all’adozione di una piattaforma istituzionale per lezioni e riunioni, hanno fatto sì che il Conservatorio sia maggiormente attrezzato alla gestione di una situazione ancora complessa e variegata, ma al contempo proietti l’apprendimento nella fase dell’emergenza Covid verso un futuro in cui l’esperienza digitale sarà comunque assai più importante che in passato. I contatti internazionali del Conservatorio, mai interrotti, sono in fase di sviluppo in Europa, America e Asia.  Quanto alla Cina, da anni partner del nostro Paese e anche del Conservatorio attraverso il Progetto Turandot, la nuova convenzione con la società “First Italy” si propone un approccio più efficace per la formazione di giovani di talento ma con un background molto differente da quello che tradizionalmente ci appartiene. [Giuseppe Bruno e Maurizio Sergi, Febbraio 2021]

The Puccini Conservatory is many things: a place of education, a center of artistic production and musicological research…. but above all it wants to be the home of its students. At this stage when contact is made difficult by the necessary health precautions but also by understandable fears, we have tried to keep as many courses as possible in presence, keeping online those that would have involved attendance in large groups. However, thanks to the support of the Municipal Administration, we will soon also see the orchestral rehearsals at the Teatro Civico and the choir  in Sala Dante, while the Conservatory has long been equipped with a protocol that has guaranteed the safety of students and teachers. The strengthening of digital networks and the purchase of new IT equipment, together with the adoption of an institutional platform for lessons and meetings, have made the Conservatory better equipped to manage a still complex and varied situation, but at the same time project the learning in the fase of the Covid emergency in a future where the digital experience will still be much more important than in the past. The international relationships of the Conservatory, never interrupted, are being developed in Europe, America and Asia.  As for China, for years partner of our country and also of the Conservatory through the Turandot Project, the new agreement with “First Italy” company proposes a more effective approach to the training of talented young people but with a very different background from the one that traditionally belongs to us [Giuseppe Bruno and Maurizio Sergi, February 2021] 

foto © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia

Manifesto degli Studi A. A. 2021/22

Premessa

I Regolamenti del Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia, citati nel presente Manifesto, sono reperibili sul sito web del Conservatorio: http://www.conssp.it così come i piani di studio e i programmi di ammissione.


Calendario accademico delle chiusure

L’Anno Accademico 2021/2022 inizia il 1° novembre 2021 e termina il 31 ottobre 2022. Di seguito le chiusure dovute alle festività nazionali:

  • 1 novembre 2021, Ognissanti
  • 8 dicembre 2021, Immacolata Concezione
  • 25 dicembre 2021, Natale
  • 26 dicembre 2021, Santo Stefano
  • 1 gennaio 2022, Capodanno
  • 6 gennaio 2022, Epifania
  • 19 marzo 2022, Patrono di La Spezia
  • 17 aprile 2022, Pasqua
  • 18 aprile 2022, Lunedì dell’Angelo
  • 25 aprile 2022, Anniversario della Liberazione
  • 1° maggio 2022, Festa del Lavoro
  • 2 giugno 2022, Festa della Repubblica
  • 15 agosto 2022, Ferragosto

Ulteriori chiusure del Conservatorio verranno comunicate successivamente attraverso il sito del Conservatorio.


Calendario accademico delle scadenze e degli esami

DOMANDE DI AMMISSIONE

Corsi Accademici I appello e Corsi Propedeutici


Corsi Accademici II appello e Corsi Singoli (solo per le classi con posti disponibili)


dal 01/04 al 30/06/2021

dal 01/08 al 31/08/2021
PROVA DI LINGUA ITALIANA per candidati stranieri:

per le ammissioni del I appello
per le ammissioni del II appello


5-6/07/2021
02/09/2021
ESAMI DI AMMISSIONE

Corsi Accademici (I appello)


Corsi Propedeutici (appello unico), Corsi accademici II appello e Corsi singoli (solo per le classi con posti disponibili )


dal 12/07 al 17/07/2021

dal 04/09 al 11/09/2021
Pubblicazione elenchi dei candidati idonei:

per le ammissioni del I appello
per le ammissioni del II appello


dal 19/07/2021
dal 13/09/2021
Pubblicazione elenchi dei candidati ammessi:

per le ammissioni del I appello
per le ammissioni del II appello


dal 23/07/2021
dal 17/09 2021
IMMATRICOLAZIONE degli studenti ammessi:

per le ammissioni del I appello


per le ammissioni del II appello


dal 26/07 al 06/08/2021

dal 20/09 al 10/10/2021
Presentazione dei piani di studio e delle domande riconoscimento crediticontestualmente alla Domanda di immatricolazione
PROVE di verifica DEBITI FORMATIVI:

per gli ammessi ai Corsi accademici di I livello (ad esclusione dei diplomati dei Licei musicali, degli studenti dei Licei musicali e dei licenziati del vecchio ordinamento)


dal 17/09/2021
Approvazione dei piani di studio e riconoscimento dei crediti da parte delle strutture didattiche preposteentro il giorno 31/10/2021
Programmazione calendario dei Corsi e inizio frequenza ai Corsidal giorno 02/11/2021
Presentazione domanda di Prova finale Triennio-Biennio Accademicientro il giorno 15/11/2021
Termine consegna Tesi – Sessione invernaleentro il giorno 05/02/2022
Sessione invernale degli Esamidal 20/02 al 10/03/2022
Termine consegna Tesi – Sessione estivaentro il giorno 10/06/2022
Sessione estiva degli Esamidal 15/06 al 15/07/2022
Termine consegna Tesi – Sessione autunnaleentro il giorno 10/09/2022
Sessione autunnale degli Esamidal 01/09 al 10/10/2022
Termine Anno Accademico31/10/2022

Corsi Accademici: Norme generali

Per gli studenti di Triennio e Biennio, ai sensi della normativa vigente, è vietata l’iscrizione contemporanea a più Istituzioni di Alta Formazione, ovvero a più corsi di Alta Formazione all’interno dello stesso Conservatorio, ovvero a corsi superiori dell’Ordinamento Previgente (Vecchio Ordinamento); pertanto, qualora durante il corso degli studi lo studente intenda iscriversi a un altro Corso fra quelli sopra specificati, dovrà presentare “domanda di rinuncia agli studi” intrapresi, salvo non vi siano i presupposti per chiedere la “sospensione della carriera”. È invece compatibile l’iscrizione contemporanea a corsi di Alta Formazione Musicale e corsi universitari ai sensi della L. 240/2010, art. 29, c. 21, secondo le modalità descritte dal D.M. 28 settembre 2011.


Studenti del Conservatorio contemporaneamente iscritti all’Università – Per poter usufruire della contemporanea iscrizione alle due Istituzioni, è necessario che lo studente:

  • dichiari di avvalersi della contemporanea iscrizione presso le suddette Istituzioni (D.M. 28.09.11, art. 1 comma 2);
  • presenti ad entrambe le Istituzioni i piani di studio previsti dai rispettivi ordinamenti (D.M. 28.09.11, art. 1 comma 3);
  • comunichi, dopo la verifica e l’approvazione da parte di entrambe le Istituzioni, eventuali modifiche ai piani di studio per ulteriore approvazione (D.M. 28.09.11, art. 1 comma 3).

Il Conservatorio provvederà a trasmettere all’Università ogni informazione relativa alla frequenza, al percorso e alla carriera dello studente. L’Università si impegnerà viceversa a trasmettere al Conservatorio ogni informazione relativa alla frequenza, al percorso e alla carriera dello studente. Le due Istituzioni provvederanno ad individuare, ciascuna, un proprio referente al fine di favorire il raccordo fra le stesse e concorderanno le modalità per la verifica (D.M. 28.09.11, art. 2):

  • del limite complessivo dei crediti formativi (le attività formative per ciascun Anno Accademico e l’acquisizione dei relativi crediti formativi non possono superare il limite complessivo di 90 per anno, fatti salvi quelli conseguiti per le discipline valutabili in entrambi gli ordinamenti);
  • del rispetto dei piani di studio presentati dallo studente;
  • dell’applicazione dei benefici connessi al diritto allo studio previsti dalla normativa vigente;
  • della durata massima di iscrizione prevista dei rispettivi ordinamenti;
  • delle situazioni di studenti fuori corso;
  • delle eventuali ripetenze e degli sbarramenti in relazione a particolari insegnamenti.

Al fine di poter contattare tempestivamente tutte le Facoltà di riferimento, gli studenti che intendono avvalersi della doppia iscrizione comunicheranno alla segreteria didattica del Conservatorio, oltre a quanto previsto precedentemente, ogni informazione utile (Facoltà, Corso di Laurea, eventuale tutor o referente presso l’Università, etc.).


Trasferimenti in entrata – Gli studenti che intendano trasferirsi da un altro Istituto di Alta Formazione al Conservatorio “G. Puccini” devono presentare dal 1/07 e non oltre il 31/07 di ogni Anno Accademico:

  • regolare domanda di iscrizione;
  • domanda di riconoscimento dei crediti e degli esami sostenuti, corredata da una certificazione degli studi e degli esami sostenuti, nonché dai relativi programmi svolti;
  • il piano di studi per la valutazione da parte delle competenti strutture didattiche.

Il Conservatorio si riserva di far sostenere l’Esame di ammissione a coloro che presenteranno domanda di trasferimento, secondo modalità che verranno comunicate.


Trasferimenti in uscita – Gli studenti che intendono trasferirsi dal Conservatorio “G. Puccini” ad un altro Conservatorio od Istituto Superiore di Studi Musicali devono presentare apposita istanza di prosecuzione degli studi in altra Istituzione dal 1 al 31 luglio di ogni Anno Accademico. Anche dopo tale data, ma comunque non oltre il 31 dicembre dell’Anno Accademico di riferimento, lo studente potrà produrre motivata domanda di trasferimento ad altra Istituzione, che, valutate le ragioni addotte, il Direttore potrà autorizzare. Non sono accettate domande di trasferimento di studenti che debbano sostenere la sola Prova finale per il conseguimento del titolo di studio o che abbiano sostenuto il solo esame di ammissione. Qualora lo studente, già in regola con il pagamento delle tasse e dei contributi, maturi, successivamente alla re-iscrizione, la volontà di trasferirsi, in caso di domanda di trasferimento presentata fino al 31 luglio, a richiesta dell’interessato, è previsto il rimborso dell’eventuale pagamento degli oneri versati a questo Conservatorio, con esclusione di quelli versati allo Stato o della Tassa regionale per il Diritto allo Studio universitario. Non si procederà ad alcun rimborso per le domande prodotte successivamente al 31 luglio di ogni Anno Accademico.


Divieto di passaggio fra livelli diversi – Non è possibile effettuare un passaggio diretto fra Corsi di livelli diversi. Nel caso in cui lo studente voglia cambiare Corso di studio per passare ad un Corso di livello diverso, dovrà seguire tutte le procedure previste per l’immatricolazione.


Passaggi fra Corsi di livello corrispondente – Lo studente di un Corso accademico di primo o di secondo livello può chiedere in qualunque anno di corso, con domanda inoltrata al Direttore e regolarmente autorizzato, il passaggio ad altro Corso di studio di corrispondente livello attivato presso il Conservatorio, con il riconoscimento totale o parziale dei crediti eventualmente già acquisiti ai fini del conseguimento del relativo titolo di studio. In ogni caso, il passaggio è condizionato al superamento dell’esame di ammissione. La struttura didattica responsabile del Corso di studio al quale lo studente intende trasferirsi delibera, entro trenta giorni dalla ricezione della domanda, circa il riconoscimento dei crediti conseguiti validi per il nuovo curriculum e indica l’anno di Corso al quale lo studente è ammesso.
La presentazione delle domande di passaggio di Corso per l’Anno Accademico successivo può avvenire dal 1 al 31 luglio dell’Anno Accademico corrente.


Sospensione – Lo studente che, essendo iscritto ad un Corso accademico di primo o di secondo livello, non rinnovi l’iscrizione, ma desideri conservare la possibilità di ri-accedere al medesimo Corso di studi per l’anno di corso successivo all’ultimo frequentato, può richiedere la sospensione degli studi per un numero massimo di anni 3 per il Triennio e 2 per il Biennio. Lo studente può richiedere la sospensione degli studi per uno o più Anni Accademici per iscriversi e frequentare corsi di studio presso Istituti di pari grado italiani o esteri. La sospensione può essere concessa dal Direttore sentito il Consiglio Accademico.
La domanda volta ad ottenere la sospensione della carriera deve essere presentata su apposito modulo stampabile dalla pagina web del Sito del Conservatorio (Modulistica) e deve essere presentata entro i termini previsti per le domande di re-iscrizione.


Interruzione – La carriera è interrotta quando lo studente non si re-iscrive senza che lo stesso abbia rinunciato agli studi. Ai sensi del D.P.C.M. 9 aprile 2001 art. 8, commi 4 e 5, è possibile interrompere la carriera solo per un anno nel caso di svolgimento del servizio civile, per le studentesse per l’anno di nascita di ciascun figlio e per gli studenti che siano costretti ad interrompere gli studi a causa di infermità gravi e prolungate debitamente certificate. La domanda volta ad ottenere l’interruzione della carriera deve essere presentata su apposito modulo stampabile dal Sito del Conservatorio alla pagina Modulistica.


Rinuncia agli studi – Lo studente può rinunciare in qualsiasi momento al proseguimento della propria carriera, mediante atto scritto. La rinuncia è irrevocabile, tuttavia non esclude la possibilità di una nuova immatricolazione (Art.11 commi 4 e 5 del Regolamento generale). Il modulo è reperibile sul Sito del Conservatorio alla pagina Modulistica.


Ripresa degli studi – Gli studenti che intendano ricongiungere la loro carriera dopo un periodo di sospensione/interruzione degli studi, sono esonerati totalmente dalla tassa di iscrizione e dai contributi per gli Anni Accademici in cui non siano stati iscritti. Al termine del periodo di interruzione lo studente deve presentare domanda di re-iscrizione con ricostruzione della carriera su apposito modulo stampabile dal sito del Conservatorio (pagina Modulistica). È dovuto un contributo fisso di € 150,00 per ogni Anno Accademico. In nessuno dei casi precedentemente esposti il Conservatorio garantisce automaticamente la conservazione del posto per lo studente. Nel caso in cui, entro il 20 ottobre di ogni Anno Accademico, lo studente non manifesti con atto scritto la propria volontà di sospendere, interrompere o rinunciare agli studi, e non effettui regolare re-iscrizione, verrà considerato a tutti gli effetti dimesso dall’Istituzione.


Durata dei corsi e Ripetenza delle ore

  1. La durata del corso di Triennio è ordinariamente di tre Anni Accademici consecutivi. La durata del corso di Biennio è di due Anni Accademici consecutivi. È dichiarato decaduto lo studente che non concluda il corso di studi in sei anni consecutivi nel caso del Triennio ed in quattro anni consecutivi nel caso del Biennio. La ripetizione della frequenza ad una disciplina può essere concessa una sola volta nell’ambito del corso, fatta eccezione per le materie teoriche, secondo le modalità definite al successivo comma 2. La predetta disposizione si applica anche nel caso di mancato assolvimento degli obblighi di frequenza. Lo studente che, pur avendo completato gli anni di iscrizione, non abbia maturato i CFA sufficienti per essere ammesso a sostenere la Prova finale, potrà usufruire di ulteriori Anni Accademici FUORI CORSO, nei limiti stabiliti al successivo comma 3.
  2. La ripetizione della Prassi esecutiva (consentita una sola volta per disciplina come specificato al punto 1), comporta l’obbligo di ri-frequentare le ore della disciplina per intero. Tale ripetizione (con i vincoli previsti dal Regolamento Generale degli Studi, fra cui l’obbligo di ottenere tutti i crediti del I anno entro i tre anni accademici nel caso del Triennio), sarà concessa su richiesta motivata dello studente, presentata per iscritto alla Segreteria entro il termine del 30 Settembre di ogni anno.
  3. È altresì dichiarato decaduto lo studente che al termine del terzo anno di Triennio e del secondo anno di Biennio non abbia acquisito tutti i crediti relativi al primo anno di corso. È facoltà della Direzione, previa acquisizione del parere favorevole del Consiglio di Corso o Dipartimento Competente e del Consiglio Accademico, concedere deroga alle disposizioni di cui al presente articolo in casi opportunamente motivati.

Part-time – È prevista la possibilità di iscrizione a tempo parziale per gli studenti che ne facciano espressa richiesta all’atto dell’iscrizione. La durata del corso di studi per gli studenti impegnati a tempo parziale non può essere superiore al doppio della durata normale dei corsi.


Obbligo di frequenza – L’obbligo di frequenza è stabilito in misura non inferiore all’80% delle ore di lezione di ogni disciplina, anche nel caso di iscrizione a tempo parziale.


Studenti comunitari e non comunitari equiparati – Ai fini del procedimento di ammissione a un Corso di Diploma di primo o di secondo livello, sono da ritenersi equiparati agli studenti comunitari i cittadini dei Paesi di cui al seguente elenco:

  • Città del Vaticano
  • Norvegia
  • Islanda
  • Liechtenstein
  • Svizzera
  • Andorra
  • Repubblica di San Marino

nonché le seguenti tipologie di studenti:

  • Rifugiati politici
  • Personale in servizio nelle Rappresentanze diplomatiche estere e negli Organismi internazionali aventi sede in Italia (accreditato presso lo Stato italiano o la Santa Sede) e relativi familiari a carico, limitatamente a coniugi e figli
  • Cittadini non comunitari legalmente soggiornanti in Italia (ai sensi dell’art. 26 della Legge 30.7.2002 n. 189), titolari di permesso di soggiorno o permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo per: lavoro subordinato; lavoro autonomo; motivi familiari; asilo politico; asilo umanitario; motivi religiosi.

nonché:

  • Cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia da almeno un anno in possesso di titolo di studio superiore conseguito in Italia.
  • Cittadini non comunitari, ovunque residenti, titolari dei diplomi finali delle scuole italiane all’estero o delle scuole straniere o internazionali, funzionanti in Italia o all’estero, oggetto di intese bilaterali o di normative speciali per il riconoscimento dei titoli di studio e che soddisfino le condizioni generali richieste per l’ingresso per studio.

Cittadini Extra-Comunitari legalmente non soggiornanti in Italia – Il contingente delle iscrizioni ai corsi di Triennio e di Biennio è stabilito ogni anno dal Conservatorio e comunicato al M.U.R., Ministero dell’Università e della Ricerca, che li pubblicizza attraverso il Sito web: https://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/

Triennio – Può presentare domanda di pre-iscrizione chi è in possesso di un titolo finale di scuola che, nel Paese nel quale è stato conseguito, dia accesso ai Corsi universitari di I livello.

Biennio – Può presentare domanda di pre-iscrizione chi è in possesso di un titolo accademico che, nel Paese in cui è stato conseguito, dia accesso a un Corso universitario di II livello.

Domanda di pre-iscrizione – Gli studenti interessati ed in possesso dei requisiti necessari devono presentare la propria candidatura alla Rappresentanza Diplomatica Italiana nel proprio Paese, corredando tale candidatura con tutti i documenti richiesti dalla stessa Rappresentanza.
Limitatamente agli studenti cinesi aderenti al “Progetto Turandot”, le procedure per l’immatricolazione sono quelle specifiche previste per tale progetto. Le rappresentanze diplomatiche italiane in Cina forniranno ogni informazione al riguardo.

Verifica della conoscenza della Lingua Italiana – La verifica della conoscenza della lingua italiana, attestante un livello di conoscenza B2, è obbligatoria per tutti gli studenti stranieri che sono stati ammessi ad immatricolarsi ai Corsi e che non sono in possesso della cittadinanza italiana. La verifica di conoscenza della lingua italiana si svolgerà prima degli Esami di ammissione. La sussistenza di lacune molto gravi nella comprensione della lingua italiana impedirà l’ammissione. Se, invece, tali lacune saranno giudicate colmabili in tempi brevi, sarà fatto obbligo allo studente di frequentare un apposito corso o il corso di lingua italiana presente nei piani di studi del Triennio o Biennio. I candidati devono presentarsi alla verifica muniti di un documento di identità in corso di validità. Sono esclusi dalla verifica della lingua italiana gli studenti stranieri che siano in possesso delle seguenti attestazioni, che devono pervenire alla segreteria entro il 30 giugno per le ammissioni del I appello ed entro il 31 agosto per le ammissioni del II appello:

  • certificati di competenza in lingua italiana rilasciati da una delle seguenti Istituzioni universitarie: Università per stranieri di Perugia e Siena, Università Roma Tre, Società Dante Alighieri e l’Università per stranieri “Dante Alighieri” di Reggio Calabria, anche in convenzione con gli Istituti Italiani di Cultura all’estero o altri soggetti. Saranno accettati unicamente certificati che riportino il conseguimento finale della certificazione della lingua italiana livello B2 e che siano rilasciati dalle Università sopra citate o dalle scuole sedi accreditate dal Ministero dell’Università e della Ricerca per la certificazione della lingua italiana.

Procedure per l’ingresso, il soggiorno e l’immatricolazione degli studenti richiedenti visto ai corsi della formazione superiore in Italia presso le Istituzioni dell’Alta Formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM): Tutti gli studenti stranieri/internazionali sono invitati a prendere visione delle procedure inerenti l’ingresso e i documenti richiesti per il soggiorno in Italia ai seguenti link: http://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/ e http://www.universitaly.it/.


Triennio Accademico di I Livello

Per l’Anno Accademico 2021/2022 è consentito presentare domanda di ammissione ai seguenti Corsi di studio, secondo i posti disponibili deliberati dal Consiglio Accademico, i cui piani di studio sono reperibili sul Sito del Conservatorio nella sezione Didattica:

  • DCPL/01 Arpa
  • DCPL/06 Canto
  • DCPL/09 Chitarra
  • DCPL/11 Clarinetto
  • DCPL/14 Clavicembalo e tastiere storiche
  • DCPL/15 Composizione
  • DCPL/15/A Discipline storiche critiche e analitiche della musica (in via di approvazione da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca)
  • DCPL/16 Contrabbasso
  • DCPL/19 Corno
  • DCPL/21 Didattica della Musica
  • DCPL/24 Fagotto
  • DCPL/26 Fisarmonica
  • DCPL/27 Flauto
  • DCPL/36 Oboe
  • DCPL/38 Organo
  • DCPL/39 Pianoforte
  • DCPL/41 Sassofono
  • DCPL/44 Strumenti a Percussione
  • DCPL/46 Tromba
  • DCPL/49 Trombone
  • DCPL/52 Viola
  • DCPL/54 Violino
  • DCPL/57 Violoncello

Jazz:

  • DCPL/03 Basso elettrico
  • DCPL/05 Batteria e percussioni jazz
  • DCPL/07 Canto jazz
  • DCPL/10 Chitarra jazz
  • DCPL/64 Composizione jazz
  • DCPL/17 Contrabbasso jazz
  • DCPL/40 Pianoforte Jazz
  • DCPL/42 Sassofono Jazz
  • DCPL/47 Tromba jazz
  • DCPL/50 Trombone jazz
  • DCPL/56 Violino jazz

Ammissione – Ai sensi delle disposizioni vigenti possono presentare domanda d’ammissione a qualsiasi Corso di diploma triennale coloro che siano in possesso di un diploma di scuola secondaria di II (secondo) grado o di altro titolo di studio conseguito all’estero riconosciuto idoneo; a tal fine, gli studenti che siano in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero, sono tenuti a presentare la “Dichiarazione di valore in loco” rilasciata dall’Autorità Diplomatica Italiana nel proprio Paese di origine. In caso di spiccate capacità e attitudini, possono essere ammessi studenti non ancora in possesso del diploma di maturità, che comunque dovrà essere conseguito entro il completamento del Corso di studio. Inoltre, il candidato deve dimostrare la propria competenza negli strumenti e/o argomenti richiesti come da specifica prova di ammissione i cui dettagli sono consultabili sul Sito del Conservatorio (Didattica).
Le Commissioni d’esame per l’accesso a ogni singolo Corso di studio hanno facoltà di attribuire debiti formativi in relazione a conoscenze/capacità di base non possedute dai candidati. Nello specifico, in assenza di esami sostenuti per le aree di Teoria, lettura ed educazione dell’orecchio, Storia della Musica e Pianoforte-secondo strumento, il candidato ai corsi del Triennio di I livello verrà sottoposto ad un accertamento delle competenze.

L’ammissione alle scuole di Jazz prevede solo l’accertamento delle competenze relative all’area di Teoria, lettura ed educazione dell’orecchio. In tal caso, i candidati collocati in posizione utile nella graduatoria di ammissione, potranno ugualmente immatricolarsi con l’obbligo di recuperare i debiti entro il termine stabilito dalla competente struttura didattica.

Agli studenti provenienti dai Licei musicali viene garantito il riconoscimento delle competenze acquisite nelle discipline Storia della musica, Teoria analisi e composizione e Tecnologie musicali certificate dal Liceo Musicale, ferma restando la facoltà, da parte del Conservatorio, di attribuire debiti formativi successivamente all’iscrizione. Le domande di ammissione devono essere effettuate on line, dal sito del Conservatorio www.conssp.it.


Immatricolazione – Per ottenere l’immatricolazione al Triennio, coloro che si siano collocati in una posizione utile nella graduatoria delle prove di ammissione e abbiano ottenuto l’autorizzazione all’immatricolazione secondo la disponibilità dei posti in ogni singola Scuola, devono effettuare l’iscrizione all’Anno Accademico in corso attraverso la procedura on-line già utilizzata per la domanda di ammissione e dopo che la Segreteria didattica avrà comunicato l’apertura delle immatricolazioni. Alla domanda per il Triennio devono essere allegati:

  • Diploma di scuola secondaria di II (secondo) grado. Per gli studenti in possesso di titolo di studio italiano conseguito in Italia: autocertificazione; per gli studenti in possesso di titolo di studio estero: “Dichiarazione di valore in loco”, in stesura originale, rilasciata a cura della rappresentanza diplomatica italiana, accompagnata dal diploma originale. Dalla “Dichiarazione di valore in loco” deve risultare che il titolo, nel Paese nel quale è stato conseguito, dà accesso al corso richiesto. Tale documento è reperibile presso la Autorità Diplomatica Italiana nel proprio Paese.
  • N° 1 (una) fotografia formato tessera, da consegnare alla Segreteria Didattica;
  • I cittadini non comunitari sono tenuti ad allegare copia della ricevuta dell’istanza di permesso di soggiorno rilasciata da Poste Italiane, accompagnata da copia del passaporto con lo specifico visto d’ingresso per motivi non turistici rilasciato dalla Questura, o copia del Permesso di soggiorno in corso di validità;
  • I diplomati/laureati presso Istituzioni AFAM o Università italiane e che si immatricolano per il conseguimento di un ulteriore titolo accademico, devono allegare autocertificazione in carta libera con l’indicazione del titolo accademico conseguito. I diplomati presso il Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia non devono allegare alcuna certificazione, ma solo specificare il titolo conseguito e l’anno del conseguimento.
  • Eventuale richiesta di iscrizione a tempo parziale (modulo reperibile sul sito del Conservatorio, pagina Modulistica, o presso la Segreteria didattica);
  • Attestazione ISEE nel caso in cui si intenda chiedere la riduzione dei contributi;
  • Attestazione del pagamento delle seguenti tasse: € 6,04 e € 21,43, del contributo del Conservatorio, della tassa regionale per il diritto allo studio universitario;
  • Marca da bollo da € 16,00 (Circolare 29 del 01/06/2005 dell’Agenzia delle Entrate) da consegnare alla segreteria didattica;
  • Report della domanda di borsa di studio presentata presso l’Agenzia regionale per la formazione, il lavoro e l’accreditamento ALISEO Liguria (https://www.aliseo.liguria.it).

Gli studenti che rientrano in una delle seguenti categorie non sono tenuti al versamento della tassa, del contributo e della tassa regionale per il Diritto allo studio universitario:

  1. coloro che hanno richiesto la borsa di studio o il prestito d’onore presso l’Agenzia Regionale per la formazione, il lavoro e l’accreditamento (ALISEO Liguria). Al momento della publicazione della graduatoria definitiva delle borse di studio, qualora non rientrino fra i vincitori e/o fra gli idonei, dovranno procedere al pagamento entro 15 giorni dalla pubblicazione della stessa.
  2. i diversamente abili con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%;
  3. gli studenti stranieri assegnatari di borsa di studio del Governo italiano non sono tenuti al versamento della tassa e del contributo, ma devono comunque provvedere al versamento della tassa regionale per il Diritto allo Studio universitario. In ogni caso, tutti gli altri versamenti richiesti dovranno essere effettuati.

Re-iscrizione – Le domande di re-iscrizione devono essere effettuate on line dal 1 al 30 settembre, attraverso la propria pagina ISIDATA, seguendo le indicazioni fornite dalla Segreteria didattica. La marca da bollo da € 16,00 dovrà essere consegnata alla Segreteria didattica entro il 30 settembre.


Biennio Accademico di II Livello

Per l’Anno Accademico 2021/2022 è consentito presentare domanda di ammissione ai seguenti Corsi di studio, secondo i posti disponibili deliberati dal Consiglio Accademico, i cui piani di studio sono reperibili sul Sito del Conservatorio alla sezione Didattica.

  • DCSL/01 Arpa
  • DCSL/05  Batteria e percussioni jazz
  • DCSL/06  Canto
  • DCSL/09  Chitarra
  • DCSL/10  Chitarra jazz
  • DCSL/11  Clarinetto
  • DCSL/14  Clavicembalo e tastiere storiche
  • DCSL/15  Composizione
  • DCSL/15 Composizione indirizzo Musicologico
  • DCSL/64 Composizione jazz
  • DCSL/16  Contrabbasso
  • DCSL/17  Contrabbasso jazz
  • DCSL/14 Corno
  • DCSL/21 Didattica della Musica (2 Indirizzi: Educazione Musicale – Didattica dello Strumento)
  • DCSL/24 Fagotto
  • DCSL/26  Fisarmonica
  • DCSL/27  Flauto
  • DCSL/33 Direzione di coro e composizione corale
  • DCSL/68 Musica d’insieme (2 Indirizzi: dal XVI al XVIII sec. per clavicembalo, organo, violino, viola, violoncello, flauto, oboe, fagotto e tromba; dall’epoca di Mozart fino ad oggi per tutti gli strumenti)
  • DCSL/24 Musica vocale da camera (2 Indirizzi: Madrigalistico e Barocco per cantanti, clavicembalisti e/o organisti; Liederistico per cantanti e pianisti)
  • DCSL/36 Oboe
  • DCSL/38 Organo e composizione organistica
  • DCSL/39  Pianoforte (2 Indirizzi: Solistico; Maestro Collaboratore)
  • DCSL/40  Pianoforte jazz
  • DCSL/41  Saxofono
  • DCSL/44 Strumenti a percussione
  • DCSL/46 Tromba (Indirizzo Rinascimentale e Barocca)
  • DCSL/49 Trombone
  • DCSL/52 Viola
  • DCSL/54 Violino
  • DCSL/57 Violoncello

Ammissione – Possono presentare domanda di ammissione:

  • studenti in possesso di un diploma dell’Ordinamento Previgente unitamente a quello di scuola secondaria di II (secondo) grado o titoli equipollenti;
  • studenti in possesso di un Diploma accademico di primo livello, conseguito presso Conservatori o Istituti Superiori di Studi Musicali;
  • studenti in possesso di qualsivoglia Laurea o titolo equipollente;
  • studenti stranieri in possesso di titoli equipollenti a quelli sopra citati.

Gli studenti diplomandi al Triennio di I livello che intendano presentare domanda per il Biennio, possono, qualora superino l’esame di ammissione, immatricolarsi “con riserva” al Biennio, solo se entro il 31 ottobre dell’anno di riferimento abbiano concluso tutte le frequenze e superato tutti gli esami, a parte la prova finale. Gli studenti che siano in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero sono tenuti a presentare la “Dichiarazione di valore in loco” rilasciata dall’Autorità Diplomatica Italiana nel proprio Paese di origine. Inoltre, il candidato deve dimostrare la propria competenza negli strumenti e/o argomenti richiesti come da specifica prova di ammissione i cui dettagli sono consultabili sul sito del Conservatorio. Le domande di ammissione devono essere effettuate on line, dal Sito del Conservatorio www.conssp.it.


Immatricolazione – Per ottenere l’immatricolazione al Biennio, coloro che si siano collocati in una posizione utile nella graduatoria delle prove di ammissione e abbiano ottenuto l’autorizzazione all’immatricolazione secondo la disponibilità dei posti in ogni singola Scuola, devono effettuare l’iscrizione all’Anno Accademico attraverso la procedura on-line già utilizzata per la domanda di ammissione e dopo che la Segreteria Didattica avrà comunicato l’apertura delle immatricolazioni. Alla domanda per il Biennio devono essere allegati:

  • Qualsiasi diploma dell’Ordinamento Previgente (Vecchio Ordinamento) accompagnato da un diploma di scuola secondaria di II (secondo) grado ovvero diploma di Triennio conseguito nei Conservatori, Accademie o altre Istituzioni Afam ovvero diploma di laurea triennale. Per gli studenti in possesso di titolo di studio italiano conseguito in Italia: copia del diploma di maturità o autocertificazione; per gli studenti in possesso di titolo di studio estero: tali studenti dovranno presentare la “Dichiarazione di valore in loco”, in stesura originale, rilasciata a cura della rappresentanza diplomatica italiana, accompagnata dal diploma originale. Dalla “Dichiarazione di valore in loco” deve risultare che il titolo, nel Paese nel quale è stato conseguito, dà accesso al corso richiesto. Tale documento è reperibile presso la Autorità Diplomatica Italiana nel proprio Paese o stampabile dalla pagina: https://www.studiare-in-italia.it/studentistranieri/moduli/2019/Modello_A-bis.pdf
  • 1 (una) fotografia formato tessera da consegnare alla Segreteria Didattica;
  • I cittadini non comunitari sono tenuti ad allegare copia della ricevuta dell’istanza di permesso di soggiorno rilasciata da Poste Italiane, accompagnata da copia del passaporto con lo specifico visto d’ingresso per motivi non turistici rilasciato dalla Questura, o copia del permesso di soggiorno in corso di validità;
  • I diplomati/laureati presso Istituzioni AFAM o Università italiane e che si immatricolano per il conseguimento di un ulteriore titolo accademico, devono allegare autocertificazione in carta libera del titolo accademico conseguito. I diplomati presso il Conservatorio “G. Puccini” di La Spezia non devono allegare alcuna certificazione, ma solo specificare il titolo conseguito e l’anno del conseguimento;
  • Eventuale richiesta di iscrizione a tempo parziale (modulo reperibile sul sito del Conservatorio o presso la Segreteria didattica);
  • Attestazione ISEE nel caso in cui si intenda chiedere la riduzione dei contributi;
  • Attestazione del pagamento delle seguenti tasse: € 6,04 e € 21,43; del pagamento del contributo del Conservatorio; del pagamento della Tassa regionale per il Diritto allo Studio universitario;
  • Marca da bollo da € 16,00 da consegnare alla Segreteria didattica;
  • Report della domanda di borsa di studio presentata presso l’Agenzia Regionale per la formazione, il lavoro e l’accreditamento – ALISEO Liguria (https://www.aliseo.liguria.it).

Gli studenti che rientrano in una delle seguenti categorie non sono tenuti al versamento della tassa, del contributo e della tassa regionale per il Diritto allo Studio universitario:

  1. coloro che hanno richiesto la borsa di studio o il prestito d’onore all’Agenzia Regionale per la formazione, il lavoro e l’accreditamento (Aliseo Liguria). Ovviamente, al momento della pubblicazione della graduatoria definitiva, qualora non rientrino fra i vincitori e/o fra gli idonei, dovranno procedere al pagamento entro 15 giorni dalla pubblicazione della graduatoria;
  2. i diversamente abili con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%;
  3. gli studenti stranieri assegnatari di borsa di studio del Governo italiano non sono tenuti al pagamento della tassa e del contributo, ma devono comunque provvedere al versamento della tassa regionale per il Diritto allo Studio universitario. In ogni caso, tutti gli altri versamenti richiesti dovranno essere effettuati.

Re-iscrizione – Le domande di re-iscrizione devono essere effettuate on line dal 1 al 30 settembre, attraverso la propria pagina ISIDATA, seguendo le indicazioni fornite dalla Segreteria didattica. La marca da bollo da € 16,00 dovrà essere consegnata alla Segreteria Didattica entro il 30 settembre.


Certificazione della lingua comunitaria – Prima della fine del corso di studi biennale è necessario consegnare in segreteria la certificazione di competenza di livello B1 di una lingua comunitaria (non necessariamente l’inglese). Sono da considerarsi esonerati coloro che hanno conseguito il diploma accademico di I livello presso un Conservatorio di musica italiano, dove sono previste 2 annualità di tale disciplina. In ogni caso non verranno attivati Corsi d’Inglese per gli studenti del Biennio, eccetto che per gli studenti dei corsi biennali della scuola di Didattica, per i quali l’esame di lingua comunitaria è presente nel piano di studi; detti studenti hanno la possibilità di frequentare tale Corso, o di chiederne l’esonero se in possesso di un Diploma accademico di I livello che preveda due annualità di tale Corso. Gli studenti di Biennio che non fossero in possesso di una certificazione avranno la possibilità di sostenere un colloquio orale in lingua inglese con i docenti del Conservatorio al fine di accertarne il livello di competenza.


Biennio Sperimentale ad esaurimento – Il Biennio sperimentale continuerà ad essere attivo per coloro che si sono immatricolati prima dell’A.A 2018/2019.


Corsi accademici singoli

I cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea in possesso di un diploma di scuola media superiore o i cittadini extracomunitari in possesso di titoli di studio riconosciuti equipollenti, non iscritti ad alcun Corso di studi presso Istituti di Alta Formazione o presso Università, possono chiedere di essere iscritti a singoli insegnamenti resi disponibili dal Conservatorio nonché essere autorizzati a sostenere le relative prove d’esame e ad avere regolare attestazione dei crediti acquisiti. In ogni caso, il limite massimo di Corsi frequentabili in ciascun Anno Accademico è fissato a 3. Il Conservatorio si riserva la facoltà di richiedere ai frequentanti in via prioritaria la partecipazione attiva alle iniziative istituzionali.

Per iscriversi occorre presentare domanda di ammissione su apposito modulo stampabile da internet alla pagina http://www.conssp.it o reperibile in Segreteria. La prova di ammissione è obbligatoria nel caso di corsi individuali e/o cameristici. L’effettiva attivazione dei Corsi in oggetto, sia collettivi che individuali, e le relative domande di ammissione, seguiranno le medesime tempistiche degli altri Corsi accademici.

Gli studenti di lingua non italiana devono dimostrare la conoscenza della lingua italiana attraverso un colloquio la cui data sarà pubblicata sul sito web del Conservatorio.


Diplomi accademici

Lo studente diplomando è colui che intende conseguire il titolo accademico entro la sessione di febbraio ed è in possesso di tutte le frequenze al 31/10/2021 salvo, eventualmente, quelle relative alla Prova finale: lo studente diplomando, pertanto, non deve versare alcun contributo se consegue il titolo entro i termini della sessione invernale 2022. Nel caso in cui uno studente non completasse tutte le frequenze ai Corsi entro il 31 ottobre dell’Anno Accademico di riferimento, dovrà obbligatoriamente re-iscriversi all’Anno Accademico in corso entro il 15 novembre versando un contributo per il cui importo lo studente deve consultare il Regolamento della contribuzione studentesca presente sul Sito del Conservatorio alla pagina Bacheca studenti.

Nel caso che lo studente diplomando non sostenga o non superi la Prova finale entro la sessione di febbraio deve, per completare il corso degli studi, re-iscriversi entro il 31 marzo, versando l’intero contributo annuale senza alcuna sovrattassa.

Lo studente diplomando del Triennio può presentare domanda di immatricolazione con riserva a un corso di Biennio, a condizione che abbia superato tutti gli esami e che debba sostenere la sola Prova Finale. Nell’ipotesi in cui lo studente abbia presentato domanda di immatricolazione con riserva a un Corso del Biennio e non abbia conseguito il titolo di accesso entro la sessione di febbraio, tutti i versamenti saranno imputati a titolo di pagamento tasse e contributi per l’anno fuori corso del Triennio secondo quanto stabilito dal Regolamento della contribuzione studentesca presente sul Sito del Conservatorio alla pagina Bacheca studenti.

Nessuna delle casistiche sopra descritte dà luogo a restituzione del contributo versato.

La sessione invernale di esami, oltre che come sessione per i corsi brevi già svolti nell’Anno Accademico, permane come sessione conclusiva dell’Anno Accademico precedente. Non è possibile la ripartizione in due Anni Accademici delle ore di lezione previste per un corso individuale. Ogni disciplina dovrà avere un programma scritto di riferimento disponibile per gli studenti sino dalla assegnazione della docenza per la disciplina stessa. Per quanto riguarda le 10 ore destinate al docente relatore per le Tesi di Triennio, queste potranno essere svolte, temporalmente e logisticamente secondo le modalità ritenute più efficaci, compresa l’attività in ambiente extra-scolastico (biblioteche, lavoro on-line, ecc.). Nel caso di due o più relatori, le 10 ore si intendono suddivise fra il numero degli stessi. I docenti delle discipline oggetto della Tesi si cureranno di riservare, nella programmazione didattica, le ore necessarie a ridosso della sessione d’esame in cui la Tesi venga discussa. Analogamente si procederà nel caso delle Tesi finali di Biennio.


Punteggio finale, argomento della tesi e tempistiche – Sono attribuiti per il Triennio fino ad un massimo di 6 punti e per il Biennio sino ad un massimo di 6 punti, da sommarsi al voto di partenza ottenuto attraverso il calcolo della media ponderata.

La media ponderata si ottiene sommando il prodotto di ogni Esame per i crediti relativi e poi dividendo questa somma per il numero complessivo di crediti (relativi alle sole attività formative che prevedono voto). Sintetizzando il tutto otteniamo che la formula per la media ponderata è la seguente: Media ponderata = (voto esame 1 x crediti esame 1) + (voto esame 2 x crediti esame 2) … + (voto esame N x crediti esame N)/ numero crediti complessivo.

Esempio pratico con tre esami: (30 x 8) + (27x 12) + (28 x 6)/ (8+12+6) = (240+324+168)/26 = 732/26 = 28,15. Avendo la media ponderata possiamo calcolare la base del voto di Laurea che si ottiene moltiplicando tale media per 110 e dividendo il risultato per 30.
Ecco dunque la formula per il calcolo del voto di laurea: Voto di partenza di laurea = ( medi ponderata x 110) / 30. Tornando al nostro esempio: (28,15×110) / 30 = 3096,5/30 = 103,21. Il risultato ottenuto è la base di partenza per le valutazioni da parte dei componenti della Commissione di Laurea. La Commissione di Laurea, ai fini della determinazione del voto finale, aggiunge dei punti in relazione ad alcune regole che variano a seconda dell’Istituzione.

Gli argomenti di tutte le Tesi finali dovranno essere proposti al Dipartimento di pertinenza entro il 31 gennaio dell’Anno Accademico in cui lo studente intenda discutere la Tesi stessa. Il Dipartimento potrà, entro il successivo 20 febbraio, approvare l’argomento della tesi o avanzare richieste di modifiche vincolanti.

Il testo delle Tesi stesse dovrà essere consegnato (anche in forma preliminare non rilegata) presso la Segreteria con le seguenti scadenze:

  • 10 giugno (tesi discusse nella sessione estiva)
  • 10 settembre (sessione autunnale)
  • 5 febbraio (sessione invernale).

Si raccomanda di presentare, secondo lo stesso calendario, le tesi anche in versione digitale per permettere una tempestiva diffusione (da parte della Segreteria Didattica) ai membri della Commissione stessa.


Articolazione della prova finale – Lo studente, in accordo col docente relatore e con l’eventuale docente correlatore, sceglie una tra le due opzioni:

  1. Discussione di una Tesi concordata dallo studente con il suo relatore ed esecuzione di un programma:
  • per il Triennio: un testo formato da un minimo di 30 cartelle (1 cartella = 2000 caratteri spazi inclusi) esclusi frontespizio, indice, bibliografia, eventuali appendici, grafici, immagini e 20 minuti di esecuzione;
  • per il Biennio: un testo formato da un minimo di 40 cartelle esclusi frontespizio, indice, bibliografia, eventuali appendici, grafici, immagini e 30 minuti di esecuzione.

2. Esecuzione di un programma concordato col relatore della durata di 30/40 minuti (25 minuti per strumentisti a fiato, non Jazz, e cantanti lirici) per il Triennio, corredato dalla redazione del relativo programma di sala. Il programma di sala dovrà essere costituito da 8 facciate A5, di cui almeno 7 di testo; esecuzione di un programma concordato col relatore della durata di 40/50 minuti (35 minuti per strumentisti a fiato, non Jazz, e cantanti lirici) per il Biennio, corredato dalla redazione del relativo programma di sala. Il programma di sala dovrà essere costituito da 8 facciate A5, di cui almeno 7 di testo.

Per entrambe le opzioni:

  • Il candidato potrà presentare brani già eseguiti in altri esami per non oltre il 30% del minutaggio del programma totale;
  • La Commissione si riserva la possibilità di interrompere l’esecuzione del programma, qualora ritenga sia sufficiente quanto ascoltato.

Le modalità di Prove finali delle scuole di “Didattica della Musica” e “Composizione” rimangono invariate (prima opzione).


Struttura della Tesi – Nelle Tesi presentate nella sessione invernale (febbraio-marzo) trattandosi di sessione straordinaria lo studente dovrà indicare l’Anno Accademico precedente.

Devono essere usati i termini previsti dalla normativa vigente, ossia: Diploma Accademico (non Laurea), Diplomando (non Laureando).

È obbligatorio scegliere un relatore (ed eventualmente anche un correlatore) con il quale il diplomando dovrà concordare l’argomento dell’elaborato, il titolo, etc.
Il relatore (e l’eventuale correlatore) dovranno essere indicati sul frontespizio con l’appellativo di Prof. (non Maestro).

Nelle tesi di Biennio II livello va indicato, oltre alle Scuola, anche l’indirizzo (es: Diploma Accademico di II livello in discipline musicali ad indirizzo interpretativo-compositivo, Scuola di Pianoforte ad indirizzo solistico).
L’elaborato deve avere la seguente struttura:

  • Copertina
  • Frontespizio (vd. poco sotto)
  • Indice
  • Premessa (cioè una breve introduzione – minimo una pagina – nella pagina successiva all’Indice che espliciti le motivazioni della scelta dell’argomento e la strutturazione del lavoro)
  • Testo
  • Conclusioni
  • Bibliografia (che va riportata in ordine alfabetico in fondo alla Tesi)
  • Appendice (eventuale, che può essere inserita per riportare la fonte primaria del lavoro, ad es. copia dell’opera trattata, la musica eseguita, etc.)

n.b. Copertina e frontespizio devono essere identici.

Di seguito si riporta il modello di Frontespizio da utilizzare:


Corsi Propedeutici

Il decreto legislativo n. 60 del 13 aprile 2017 ha riformato i corsi di fascia pre-accademica, istituendo Corsi Propedeutici finalizzati all’accesso ai Corsi Accademici di primo livello. Il regolamento, le griglie dei piani di studio e i programmi di ammissione sono consultabili sul sito del Conservatorio alla sezione “Didattica”.

La normale durata dei Corsi Propedeutici è di tre anni. Vengono attivati Corsi Propedeutici relativi a tutti i seguenti Corsi Accademici attualmente istituiti:

  • Arpa
  • Basso elettrico jazz
  • Batteria e percussioni jazz
  • Canto
  • Canto jazz
  • Chitarra
  • Chitarra jazz
  • Clarinetto
  • Clarinetto jazz
  • Clavicembalo e tastiere storiche
  • Composizione
  • Composizione jazz
  • Contrabbasso
  • Contrabbasso jazz
  • Corno
  • Didattica della musica
  • Fagotto
  • Fisarmonica
  • Flauto
  • Oboe
  • Organo
  • Pianoforte
  • Pianoforte jazz
  • Sassofono
  • Sassofono jazz
  • Strumenti a percussione
  • Tromba
  • Tromba jazz
  • Trombone
  • Trombone jazz
  • Viola
  • Violino
  • Violino jazz
  • Violoncello

Ai corsi propedeutici si accede, a partire dall’età minima di 13 anni da compiere entro l’anno solare, con possibilità di eccezioni in casi di particolare talento, dopo il superamento di esami di ammissione, nel limite dei posti disponibili, subordinatamente alle ammissioni ai Corsi Accademici. Gli esami di ammissione sono volti ad accertare il livello di preparazione dei candidati, negli ambiti dello Strumento e della Teoria, lettura ed educazione dell’orecchio e della Storia della Musica. Gli esami di ammissione si svolgono quindi in due prove, una strumentale e l’altra per le altre Discipline. I programmi dei suddetti esami vengono deliberati dal Consiglio Accademico, su proposta dei Dipartimenti, conformemente alla Tabella E del D.M. 382 del 11 Maggio 2018.

Al termine degli esami di ammissione viene stilata una graduatoria dei candidati idonei, sulla base dei voti attribuiti, espressi in decimi. A parità di votazione ha la precedenza il candidato più giovane. Ad ogni studente possono essere attribuiti debiti e riconosciuti crediti. Per ogni studente ammesso, in seguito all’esito dell’Esame di ammissione, viene stabilito un personale percorso di studi, che può prevedere sia la riduzione, sia l’aumento dei corsi da frequentare, rispetto al normale percorso. Tale percorso potrà essere aggiornato durante il Corso di studi. Per gli studenti stranieri è richiesta una sufficiente conoscenza della lingua italiana accertata durante l’esame di ammissione. Possono essere previste attività specifiche per l’approfondimento della lingua italiana. Il calendario degli Esami di ammissione è stabilito dal Direttore sulla base della programmazione del Consiglio Accademico e pubblicato sul sito del Conservatorio. In sede di Esame di ammissione, le Commissioni formulano graduatorie, nelle quali ad ogni candidato è attribuito un punteggio in decimi. È definito idoneo il candidato che ha raggiunto un punteggio di almeno 6 decimi. I candidati idonei sono ammessi ad iscriversi ai Corsi Propedeutici in base ai posti resi disponibili a seguito dell’iscrizione dei candidati idonei dei Corsi Accademici. Il modulo per l’immatricolazione è scaricabile sul sito web del Conservatorio. È possibile iscriversi a più di un Corso propedeutico, previa domanda ed autorizzazione del Direttore. Al temine del Corso di studi sarà rilasciato un certificato con l’indicazione del livello di competenza conseguito.


Ordinamento previgente ad esaurimento

Ai sensi dell’art. 14 del DPR 212/2005 non è più consentito immatricolarsi all’ordinamento previgente (cosiddetto Vecchio Ordinamento); possono re-iscriversi soltanto gli studenti già immatricolati a tali corsi ai sensi dell’art 12, comma 2 del citato DPR.
I trasferimenti sono soggetti alle disposizioni dell’art. 32 del Regolamento Didattico reperibile alla pagina Bacheca studenti.


Corsi Pre-accademici ad esaurimento

I Corsi di formazione pre-accademica sono corsi istituiti ed organizzati dal Conservatorio, finalizzati al conseguimento di una formazione musicale, organizzata per periodi di studio, al fine di acquisire un’adeguata preparazione per poter sostenere Esami di ammissione ai Corsi Accademici di primo livello. A partire dall’A.A. 2019/2020, in seguito alla riforma stabilita dal D.L. n. 60 del 13 Aprile 2017, non è più possibile presentare domande di ammissione ai Corsi Pre-accademici in quanto sono sostituiti dai Corsi Propedeutici. Pertanto, gli studenti iscritti al primo ed al secondo Periodo dei Corsi Pre-accademici dell’Istituto, una volta ottenuta la certificazione del secondo periodo, transitano ai Corsi Propedeutici, senza Esami di ammissione. Gli studenti già iscritti al terzo Periodo hanno diritto a completare il percorso intrapreso o a transitare nei Corsi Propedeutici. Il Regolamento specifico è consultabile alla pagina dei Corsi Pre-accademici , così come le griglie dei piani di studio e i programmi di ammissione.


Tasse e contributi – CORSI ACCADEMICI, TRIENNIO

Ammissione:

TASSA MINISTERIALE DI AMMISSIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’ammissione A.A. 2021/22

6,04
CONTRIBUTO DI AMMISSIONE

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 25,00

Immatricolazione:

TASSA MINISTERIALE DI IMMATRICOLAZIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’immatricolazione A.A. 2021/22

6,04
TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 650,00
(Trienni classici)
____
€ 800,00
(Trienni Jazz)
TASSA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO (solo per i diplomati)

versamento su c/c postale n. 66633892 o
IBAN: IT05D0760101400000066633892
intestato a: ALISEO Liguria
causale: tassa regionale per il diritto allo studio universitario A.A. 2021/2022 – Conservatorio “G. Puccini” La Spezia
€ 120,00 con ISEE fino a €15.093,53
____
€ 140,00 con ISEE da € 15.093,54 a € 30.187,06
____
€ 160,00 con ISEE superiore a € 30.187,06
IMPOSTA DI BOLLO

marca da bollo da consegnare in Segreteria
€ 16,00

Iscrizione ad anni successivi al primo:

TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 650,00
(Trienni classici)
____
€ 800,00
(Trienni jazz)
TASSA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO (solo per i diplomati)

versamento su c/c postale n. 66633892 o
IBAN: IT05D0760101400000066633892
intestato a: ALISEO Liguria
causale: tassa regionale per il diritto allo studio universitario A.A. 2021/2022 – Conservatorio “G. Puccini” La Spezia
€ 120,00 con ISEE fino a €15.093,53
____
€ 140,00 con ISEE da € 15.093,54 a € 30.187,06
____
€ 160,00 con ISEE superiore a € 30.187,06
IMPOSTA DI BOLLO

marca da bollo da consegnare in Segreteria
€ 16,00

Tasse e contributi – CORSI ACCADEMICI, BIENNIO

Ammissione:

TASSA MINISTERIALE DI AMMISSIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’ammissione A.A. 2021/22
€ 6,04
CONTRIBUTO DI AMMISSIONE

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 25,00

Immatricolazione:

TASSA MINISTERIALE DI IMMATRICOLAZIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’immatricolazione A.A. 2021/22
€ 6,04
TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 1.000,00
(Bienni classici)
____
€ 1.100,00
(Biennio di Direzione di coro e Bienni jazz)
TASSA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO (solo per i diplomati)

versamento su c/c postale n. 66633892 o
IBAN: IT05D0760101400000066633892
intestato a: ALISEO Liguria
causale: tassa regionale per il diritto allo studio universitario A.A. 2021/2022 – Conservatorio “G. Puccini” La Spezia
€ 120,00 con ISEE fino a €15.093,53
____
€ 140,00 con ISEE da € 15.093,54 a € 30.187,06
____
€ 160,00 con ISEE superiore a € 30.187,06
IMPOSTA DI BOLLO

marca da bollo da consegnare in Segreteria
€ 16,00

Iscrizione ad anni successivi al primo:

TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 1.000,00
(Bienni classici)
____
€ 1.100,00
(Biennio di Direzione di coro e Bienni jazz)
TASSA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO (solo per i diplomati)

versamento su c/c postale n. 66633892 o
IBAN: IT05D0760101400000066633892
intestato a: ALISEO Liguria
causale: tassa regionale per il diritto allo studio universitario A.A. 2021/2022 – Conservatorio “G. Puccini” La Spezia
€ 120,00 con ISEE fino a € 15.093,53
____
€ 140,00 con ISEE da € 15.093,54 a € 30.187,06
____
€ 160,00 con ISEE superiore a € 30.187,06
IMPOSTA DI BOLLO

marca da bollo da consegnare in Segreteria
€ 16,00

Tasse e contributi – CORSI ACCADEMICI SINGOLI

Ammissione:

TASSA MINISTERIALE DI AMMISSIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’ammissione A.A. 2021/22
€ 6,04
CONTRIBUTO DI AMMISSIONE

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 25,00

Iscrizione:

TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA


versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 500,00
corso individuale
____
€ 150,00
corso collettivo
____
€ 300,00
corso cameristico
IMPOSTA DI BOLLO

marca da bollo da consegnare in Segreteria
€ 16,00

Tasse e contributi – CORSI PROPEDEUTICI

Ammissione:

TASSA MINISTERIALE DI AMMISSIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’ammissione A.A. 2021/22
€ 6,04
CONTRIBUTO DI AMMISSIONE

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 25,00

Immatricolazione:

TASSA MINISTERIALE DI IMMATRICOLAZIONE

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa d’immatricolazione A.A. 2021/22
€ 6,04
TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA

versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 500,00

Iscrizione ad anni successivi al primo:

TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21, 43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA


versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 500,00

Tasse e contributi – CORSI PREACCADEMICI

Iscrizione ad anni successivi al primo:

TASSA MINISTERIALE DI FREQUENZA

versamento su c/c postale n. 1016
intestato a: Agenzia delle Entrate – centro operativo di Pescara
causale: tassa di frequenza Conservatorio di La Spezia A.A. 2021/22
€ 21,43
CONTRIBUTO DI FREQUENZA


versamento da effettuare tramite PagoPa (vedi la “Guida all’ammissione”)
€ 400,00

Esoneri totali o parziali

Categorie di studenti esonerati dal pagamento di tasse e contributi:

  • Studenti comunitari e non comunitari diversamente abili, con invalidità riconosciuta pari o superiore al 66%;
  • Vincitori e idonei nella graduatoria di borsa di studio o di prestito d’onore dell’Agenzia regionale per il lavoro, la formazione e l’accreditamento;
  • Studenti stranieri beneficiari di borsa di studio del Governo italiano nell’ambito dei programmi di cooperazione allo sviluppo e degli accordi intergovernativi culturali e scientifici e relativi periodici programmi esecutivi (è comunque dovuta la tassa regionale per il diritto allo studio universitario).

Esenzione o riduzione dei contributi in base all’ISEE – Nel caso in cui non rientri in una delle categorie sopraelencate, per aver diritto all’esenzione totale o parziale dei contributi lo studente deve presentare in Segreteria la dichiarazione ISEE all’atto dell’immatricolazione/iscrizione, dopo aver verificato di possedere i requisiti consultando il Regolamento in materia di contribuzione presente sul sito del Conservatorio.


Riduzione dei contributi per gli studenti part-time – Gli studenti dei corsi accademici che optano per un part-time sono tenuti al versamento dei contributi regolari per i primi 3 anni (per il Triennio) o per 2 anni (Biennio). Tale contributo verrà ridotto del 50% per ogni anno successivo.


Restituzione degli oneri versati al Conservatorio – La restituzione di quanto versato a titolo di contributi e oneri amministrativi è ammessa nei seguenti casi:

  • Pagamento non dovuto
  • Pagamento effettuato più volte per errore
  • Impedimento a beneficiare dei servizi per i quali è stato effettuato il pagamento, per causa imputabile direttamente al Conservatorio.
  • In caso di ritiro lo studente ha diritto al rimborso del contributo di iscrizione se la domanda è presentata al Conservatorio entro e non oltre 10 giorni lavorativi dall’inizio dei corsi. Per inizio dei corsi si intende l’inizio dell’anno accademico per i corsi annuali, mentre si intende la prima giornata di lezione per i corsi che hanno un durata inferiore ed hanno inizio durante l’anno accademico. Alla domanda va allegato obbligatoriamente, pena la decadenza del diritto al rimborso, la documentazione attestante le comprovate cause di forza maggiore che motivano il ritiro anticipato. Salvo quanto previsto nel presente Manifesto, allo studente iscritto a un qualsiasi anno di corso non spetta a nessun titolo la restituzione delle tasse e contributi pagati.

Modalità di pagamento:

  • Corsi Pre-accademici e Ordinamento previgente – L’importo delle tasse e contributi deve essere pagato in un’unica soluzione all’atto dell’iscrizione.
  • Triennio I livello e Biennio II livello – L’importo delle tasse (immatricolazione, frequenza, tassa diritto allo studio universitario, marca da bollo) deve essere pagato in un’unica soluzione all’atto dell’iscrizione. Il contributo può essere versato in un’unica soluzione all’atto dell’iscrizione o in due rate secondo la seguente tempistica: a) I rata: all’atto dell’iscrizione; b) II rata: entro il 31 marzo di ogni Anno Accademico.

Nel caso si voglia usufruire delle riduzioni in base al proprio ISEE, è tassativo consegnare il modello in segreteria insieme ai moduli dell’iscrizione.


Sovrattasse per ritardati pagamenti – Qualora il pagamento della I o II rata del contributo sia effettuato in ritardo sono dovuti i seguenti importi aggiuntivi a titolo di sovrattassa:

  • € 20,00 per ritardi fino a 15 giorni
  • € 60,00 per ritardi superiori a 15 giorni e fino a 30 giorni
  • € 150,00 per ritardi da 30 giorni e fino a 60 giorni
  • oltre i 60 giorni lo studente verrà dimesso d’ufficio

La sovrattassa deve essere inderogabilmente pagata contestualmente al versamento del contributo (I e II rata).

Fino alla presentazione dell’attestato di pagamento effettuato (contributo e/o sovrattassa) lo studente non è iscritto per l’Anno Accademico in corso; pertanto non è legittimato a frequentare i corsi e/o sostenere esami.

L’eventuale rinuncia all’immatricolazione o all’iscrizione non dà titolo a richiedere il rimborso di quanto versato, salvo quanto previsto in caso di trasferimenti precedenti al 31 luglio.

L’eventuale rinuncia agli studi effettuata in qualsiasi momento dell’anno accademico non comporta l’esonero dal pagamento dell’intero contributo, anche se rateizzato.


Servizio PagoPA: A partire da Luglio 2018 è attivo il sistema di pagamento elettronico denominato PagoPa.


Le modalità operative per poter usufruire di questo servizio di pagamento sono comunicate attraverso il sito del Conservatorio e attraverso un manuale approntato dalla Segreteria didattica che viene inviato agli studenti all’atto dell’immatricolazione ed è altresì pubblicato sul sito. Ai sensi dell’art. 65, comma 2, del D. Lgs n.217/2017 come da ultimo modificato dal D.L. n. 162/2019 (Decreto Milleproroghe), dal 30 giugno p.v. i PSP sono chiamati ad utilizzare unicamente la piattaforma PagoPa per erogare servizi di pagamento verso le Pubbliche Amministrazioni.


foto Alfio Pellegrin © Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia